Una versione più completa e raffinata del Digital Wellbeing di Xiaomi appare su MIUI 10 Beta (foto)

Nonostante abbia deciso di non pubblicare più versioni Beta per il mercato globale e di limitare ad alcuni modelli il rilascio di MIUI China Beta ROM Xiaomi a quanto pare sta ancora sviluppando nuove funzioni nel canale sperimentale del suo firmware. I colleghi di XDA oggi hanno scoperto che il clone dell’applicazione Digital Wellbeing – la cui versione originale è stata introdotta da Google solo su alcuni smartphone – ha ricevuto un rilevante aggiornamento.

Mentre finora la funzione si concentrava soprattutto sul tempo in cui lo schermo era attivo, sulla quantità di notifiche ricevute e sulla frequenza di sblocco del telefono, con l’ultimo aggiornamento ha ricevuto alcune funzionalità dal Digital Wellbeing originale. Come potete ammirare nelle immagini qui sotto, ora è possibile fissare un timer distinto per ogni app il cui uso viene quindi tracciato separatamente e nel momento in cui il tempo fissato venisse superato quella determinata applicazione viene resa non più disponibile. Continue reading

Con Scrcpy 1.9 potete fare il mirroring dello schermo del vostro smartphone su Windows 10 anche se è spento (foto)

Gli utenti di Windows 10 Insider Builds già possono usare la funzione Your Phone per connettere il proprio smartphone al PC e fare mirroring. L’applicazione però supporta solo alcuni modelli e in ogni caso arriva tempo dopo un’altra soluzione sviluppata da un membro del team XDA: Scrcpy.

L’app dal nome scioglilingua infatti è apparsa per la prima volta su GitHub nel lontano dicembre 2017 offrendo sin da subito la possibilità di controllare il proprio dispositivo tramite PC desktop attraverso una semplice connessione USB. La bassa latenza e il fatto che non sia necessario ottenere i privilegi di root sul telefono l’hanno resa da subito abbastanza popolare tra gli utenti più smanettoni. Continue reading

Invidiosi del pannello notifiche che “scende” dal basso di MIUI 10? Ora potete averlo anche voi con MIUI-ify! (foto)

Gli utenti di HTC Sense, LG UX, Oxygen OS, ONE UI e Android Stock probabilmente non sanno di cosa stiamo parlando. E forse gli sembrerà strano parlare di un pannello delle notifiche che invece che calare dalla parte alta dello schermo si srotola a partire dal bordo inferiore verso l’alto. È una caratteristica praticamente unica dell’interfaccia MIUI 10 sviluppata da Xiaomi e sugli smartphone da 6 e più pollici può risultare davvero comoda.

Da oggi tutti possono accedere a questa funzionalità grazie a MIUI-ify, un’app disponibile gratuitamente sul Play Store (trovate il badge più in basso). L’applicazione è stata realizzata da uno dei membri del team XDA accanto a un’altra che invece imita lo stile di Android Pie/Android Q. Tra le varie impostazioni MIUI-ify vi consente di personalizzare colore, icone e contenuti del pannello di controllo, gestire luminosità, contrasto e notifiche senza dover mai staccare la presa dal telefono. Continue reading

Il primo port di Google Camera dedicato per Asus ZenFone 6 introduce l’HDR+ a piena risoluzione (48 MP) (foto)

Recentemente Asus ha inaugurato un programma di sviluppo in collaborazione con alcuni sviluppatori della comunità XDA. Lo scopo principale è creare mod di terze parti, custom ROM, GSI, recovery custom TWRP e kernel custom per i top di gamma dell’azienda taiwanese. A pochi giorni dal lancio il programma ha già dato il suo primo frutto: un porting della arcinota e desideratissima Fotocamera Google.

LEGGI ANCHE: Tutti i rumor su Pixel 4, in breve Continue reading

Trapela la prima beta di EMUI 10 basata su Android Q per Huawei P30 Pro (aggiornato: nuovi screenshot) (foto)

Mentre si attende ancora un annuncio ufficiale da parte di Huawei sull’arrivo della prossima versione del suo firmware, è trapelata oggi la prima beta di EMUI 10 basata su Android Q. In particolare il noto sito FunkyHuawei, specializzato nello sblocco dei dispositivi dell’azienda cinese, è riuscito a mettere le mani su una prima versione per P30 Pro. Se quindi avete questo telefono – ancora di più a vostro rischio e pericolo, trattandosi di una fonte non ufficialepotete già provarla. Qui trovate una guida dettagliata.

LEGGI ANCHE: Tutti i rumor su Pixel 4, in breve Continue reading

ASUS ZenFone 6 ha a cuore il modding: sarà distribuito agli sviluppatori di custom ROM e recovery

ASUS si dimostra particolarmente attenta alla community di sviluppatori aprendo il suo ultimo top di gamma, lo ZenFone 6, al modding. Oltre ad aver subito pubblicato i sorgenti del kernel e la guida per sbloccare il bootloader, sta distribuendo il device ad alcuni sviluppatori di terze parti.

La notizia è stata riportata da XDA, la quale ha ricevuto la proposta da parte di ASUS relativamente alla distribuzione del suo ZenFone 6 ad alcuni sviluppatori per favorirne lo sviluppo di terze parti. A tal proposito XDA ha scelto 10 tra gli sviluppatori più in evidenza sulla sua piattaforma, ai quali verrà donato lo ZenFone 6 per favorirne lo sviluppo indipendente. Continue reading

L’ultima beta di HydrogenOS per OnePlus 7 Pro introduce una nuova gesture per tornare indietro (video)

Dopo la presentazione e l’arrivo nei negozi di OnePlus 7 e OnePlus 7 Pro, come spesso accade, l’azienda cinese è stata piuttosto impegnata a rilasciare aggiornamenti che correggevano i vari bug che affliggevano i due telefoni. Alcuni aggiornamenti quindi sono arrivati direttamente sul ramo stabile, mentre altri sono passati prima da quello beta. Altri ancora, come il caso di cui vi stiamo per parlare, sono transitati da HydrogenOS, la versione cinese del firmware OnePlus. Anche questa, come OxygenOS, ha un suo canale sperimentale in cui è apparsa oggi una nuova gesture.

LEGGI ANCHE: Redmi K20 Pro in realtà è Xiaomi Mi9T! Continue reading

Con RememBear Password Manager non dovrete più ricordare le password (tranne una)

I cervelli umani sono fatti per ricordare facce e cibi piuttosto che memorizzare lunghe e complicate stringhe di testo prive di senso. Questo è semplicemente il motivo per cui le password più sicure sono proprio quelle più difficili da mandare a memoria. Se avete difficoltà a ricordare le credenziali di uno dei tanti servizi che ormai popolano la nostra vita quotidiana, forse potreste pensare di adottare un password manager. Si tratta essenzialmente di programmi in cui archiviare password, nome utente e altri dettagli di ogni sito o servizio.

Tra i vari disponibili sul mercato vi segnaliamo oggi RememBear, un’applicazione disponibile per Android, iOS, Mac e Windows e che sincronizza automaticamente i dettagli tra le varie piattaforme. Tutte le vostre credenziali, i dati delle carte di credito e altre informazioni sensibili verranno salvate in un archivio digitale protetto con il sistema di criptazione AES-256. L’unica che però dovrete necessariamente trovare un modo per ricordare è la master password, quella con cui accedere al servizio. Continue reading

Digital Wellbeing ora vi dà la possibilità di scegliere i giorni della settimana in cui “staccare” (foto)

Uno dei pilastri dell’app Digital Wellbeing di Google è la possibilità di “staccare” ossia ci decidere quando il vostro telefono dovrebbe agire per evitare di rimanere collegati troppo a lungo. Per evitare gli eccessi quindi lo schermo abbandona i colori per mostrare una molto poco attraente scala di grigi e in più attiva il “non disturbare” per evitare che le notifiche attirino la vostra attenzione. Si tratta di una funzione ammirevole e sicuramente utile per chi ha difficoltà a staccarsi dallo smartphone, purtroppo però finora non c’era modo di personalizzarne in qualche modo l’intervallo di funzionamento al di fuori di una fascia oraria uguale per tutti i giorni.

Con l’ultimo aggiornamento e grazie a una modifica che sta avvenendo lato server Google aggiunge una nuova voce nelle impostazioni che vi permette di stabilire in quali giorni della settimana la funzione si attiva. In questo modo potete per esempio evitare che Digital Wellbeing si intrometta nelle vostre attività sociali nel fine settimane. Si tratta sicuramente di una notizia più che benvenuta anche se probabilmente sarebbe ancora meglio avere la possibilità di personalizzarne ulteriormente il funzionamento. Continue reading

Easy DND vi fa gestire la modalità Non Disturbare: non si inventa nulla ma semplifica molto (foto)

L’uso degli smartphone implica tantissimi vantaggi ed uno dei più basilari è il poter essere sempre raggiungibili, anche in modi diversi. In alcune situazioni questo può essere un aspetto negativo e per questo esiste da tempo la modalità Non Disturbare. Questa funzionalità è implementata in modo diverso dai vari produttori sui dispositivi Android ed alcuni utenti a volte la trovano complicata da gestire. Android ci mette a disposizione diverse alternative per personalizzare la modalità Non Disturbare e, soprattutto nelle situazioni in cui si ha poco tempo, questo si trasforma più in un ostacolo che in un vantaggio. Easy DND è un’app pensata proprio per risolvere questo tipo di situazioni.

La parola d’ordine è semplicità Continue reading