Articoli con tag Sicurezza

No, nessuno vi vuole regalare 5 kg di Nutella tramite WhatsApp: è soltanto una truffa

Anche se vi piacerebbe, Ferrero non sta regalando 5 kg di Nutella a nessuno. Se vi è arrivato un messaggio tramite WhatsApp che dice questo, si tratta della solita truffa, dunque state all’occhio.

Il procedimento è molto simile a quanto visto in altre occasioni: nel messaggio sarà presente un link che vi porterà ad una pagina ben confezionata (con tanto di logo Nutella) nella quale vi sarà chiesto di condividere la catena tramite WhatsApp a 20 persone e di compilare un questionario con dei dati personali. (altro…)

App di gestione email e quella di PayPal vulnerabili allo spoofing: cos’è e perché preoccuparsene (foto)

Oggi vi riportiamo una notizia relativa ad una questione molto delicata e potenzialmente pericolosa principalmente per le vostre finanze. In rete sono emerse evidenze che molte app di posta elettronica e quella di PayPal per Android sono vulnerabili allo spoofing, grazie ad un collegamento tra i due servizi ingegnoso, a tal punto che non è considerabile come un bug da risolvere.

Lo spoofing, a grandi linee, rappresenta tutte le metodologie per manipolare l’identità informatica, ad esempio usando un falso indirizzo IP oppure le credenziali di altri utenti, col fine di presentarsi sotto falso nome per truffare ipotetiche terze persone. Questo è quanto scoperto nel collegamento tra alcune app di gestione email per Android e l’app PayPal: il link contenuto nel corpo di un’email truffaldina era direttamente collegato all’app Paypal, in particolare alla sezione per inviare denaro. (altro…)

App di gestione email e quella di PayPal vulnerabili allo spoofing: cos’è e perché preoccuparsene (foto)

Oggi vi riportiamo una notizia relativa ad una questione molto delicata e potenzialmente pericolosa principalmente per le vostre finanze. In rete sono emerse evidenze che molte app di posta elettronica e quella di PayPal per Android sono vulnerabili allo spoofing, grazie ad un collegamento tra i due servizi ingegnoso, a tal punto che non è considerabile come un bug da risolvere.

Lo spoofing, a grandi linee, rappresenta tutte le metodologie per manipolare l’identità informatica, ad esempio usando un falso indirizzo IP oppure le credenziali di altri utenti, col fine di presentarsi sotto falso nome per truffare ipotetiche terze persone. Questo è quanto scoperto nel collegamento tra alcune app di gestione email per Android e l’app PayPal: il link contenuto nel corpo di un’email truffaldina era direttamente collegato all’app Paypal, in particolare alla sezione per inviare denaro. (altro…)

App di gestione email e quella di PayPal vulnerabili allo spoofing: cos’è e perché preoccuparsene (foto)

Oggi vi riportiamo una notizia relativa ad una questione molto delicata e potenzialmente pericolosa principalmente per le vostre finanze. In rete sono emerse evidenze che molte app di posta elettronica e quella di PayPal per Android sono vulnerabili allo spoofing, grazie ad un collegamento tra i due servizi ingegnoso, a tal punto che non è considerabile come un bug da risolvere.

Lo spoofing, a grandi linee, rappresenta tutte le metodologie per manipolare l’identità informatica, ad esempio usando un falso indirizzo IP oppure le credenziali di altri utenti, col fine di presentarsi sotto falso nome per truffare ipotetiche terze persone. Questo è quanto scoperto nel collegamento tra alcune app di gestione email per Android e l’app PayPal: il link contenuto nel corpo di un’email truffaldina era direttamente collegato all’app Paypal, in particolare alla sezione per inviare denaro. (altro…)

Timehop sottovaluta la sicurezza: furto di dati per oltre 21 milioni di utenti (aggiornato: ancora peggio)

Timehop – il social network per utenti nostalgici, che consente di condividere i propri ricordi provenienti da altre piattaforme social – nei giorni scorsi ha dovuto affrontare un grave attacco informatico, che ha esposto ai cyber criminali i dati sensibili di oltre 21 milioni di ignari utenti. Ma i vertici del social questa volta hanno molto da recriminare circa le scelte fatte in termini di sicurezza informatica.

Timehop ha infatti ammesso di aver sottovalutato la questione della sicurezza dei propri utenti, non fornendo l’autenticazione a due fattori nonostante un bacino di utenza così vasto. Gli hacker sono dunque andati a nozze trovandosi di fronte un sistema così vulnerabile e hanno potuto agire indisturbati impossessandosi di nomi, indirizzi email e numeri telefonici di milioni di persone. Timehop ha precisato che messaggi privati, dati finanziari e immagini personali non sono state intaccate, ma danno e beffa sono ormai servite. (altro…)

ProtonVPN apre il suo programma beta a tutti gli utenti Android, Windows e macOS: ecco come aderire

Qualche mese fa vi abbiamo parlato di ProtonVPN, un valido servizio di virtual private network (VPN) dedicato al mondo Android, Windows e macOS, ed oggi torniamo sull’argomento per riportarvi l’apertura del programma beta ufficiale su tutte le piattaforme supportate.

Ad annunciarlo è la stesso team di sviluppo del servizio, il quale comunica che, aderendo al canale beta, si avrà la possibilità di provare in anteprima le nuove funzionalità che potranno riferirsi all’utilizzo di nuovi server, aggiornamenti all’interfaccia e miglioramenti alla stabilità. Per quanto concerne gli utenti Windows e macOS, si può aderire al programma accedendo alle impostazioni del servizio e abilitando l’opzione “Early Access“. (altro…)

Grazie allo Snapdragon 845, persino Cerbero potrebbe utilizzare lo sblocco tramite riconoscimento facciale

Lo sblocco sicuro tramite riconoscimento del volto è una funzione che si sta diffondendo a macchia d’olio fra i più recenti smartphone, sospinto ancora una volta dalla decisione di Apple di farne l’unico sistema di sblocco sul suo iPhone X. Tuttavia, la tecnologia ha dimostrato di essere ancora acerba e non così pratica nel quotidiano, motivo per cui qualsiasi nuovo accorgimento in merito è ben accetto.

E questa volta tocca a Qualcomm introdurre una novità che potrebbe tornare utile a chi condivide il proprio dispositivo con altri famigliari, ad esempio. Il produttore statunitense ha infatti implementato nel suo ultimo SoC di punta – lo Snapdragon 845, che anima la quasi totalità degli smartphone Android top di gamma del 2018 – il supporto al riconoscimento di più volti diversi. (altro…)

Biglietti gratuiti per Mirabilandia? È soltanto l’ennesima truffa che circola su WhatsApp (foto)

Il parco divertimenti Mirabilandia è la meta privilegiata di milioni di famiglie che passano l’estate in villeggiatura sulla Riviera Romagnola. Proprio in questi giorni ha festeggiato il ventiseiesimo anno dalla sua fondazione, ma fra le promozioni che annualmente propone ai suoi clienti non ci sono biglietti gratuiti per 500 famiglie. E soprattutto non lo pubblicizzerebbe tramite loschi account su WhatsApp.

Sul più diffuso servizio di messaggistica istantanea sta infatti circolando in questi giorni una nuova truffa, che sfrutta proprio il nome di Mirabilandia e l’occasione del suo anniversario per attirare click di ingenui genitori, desiderosi di regalare ai propri figli una bella giornata all’insegna del divertimento. Il messaggio truffaldino recita così: (altro…)

Biglietti gratuiti per Mirabilandia? È soltanto l’ennesima truffa che circola su WhatsApp (foto)

Il parco divertimenti Mirabilandia è la meta privilegiata di milioni di famiglie che passano l’estate in villeggiatura sulla Riviera Romagnola. Proprio in questi giorni ha festeggiato il ventiseiesimo anno dalla sua fondazione, ma fra le promozioni che annualmente propone ai suoi clienti non ci sono biglietti gratuiti per 500 famiglie. E soprattutto non lo pubblicizzerebbe tramite loschi account su WhatsApp.

Sul più diffuso servizio di messaggistica istantanea sta infatti circolando in questi giorni una nuova truffa, che sfrutta proprio il nome di Mirabilandia e l’occasione del suo anniversario per attirare click di ingenui genitori, desiderosi di regalare ai propri figli una bella giornata all’insegna del divertimento. Il messaggio truffaldino recita così: (altro…)

Scovato un maligno exploit insito nella tecnologia LTE (video)

La tecnologia LTE avrebbe dovuto risolvere tutta una serie di mancanze dal punto di vista della sicurezza che avevano i precedenti standard. Almeno questo si credeva fino a poco fa. È notizia recentissima infatti la scoperta di una falla nel sistema di comunicazione da parte di un team internazionale di ricercatori.

La LTE infatti ha dei difetti insiti nel modo in cui veicola le informazioni che la rende esposta a una tipologia di attacchi chiamata “aLTEr”. Le modalità sono come sempre particolarmente tecniche, ma senza entrare troppo in dettaglio sono possibili due tipi di attacco: attivo e passivo. (altro…)

Torna all'inizio