Articoli con tag privacy

Come cancellare definitivamente le vostre registrazioni di allenamento a “Ok Google” dai server Google (foto)

Probabilmente già saprete che Google conserva in server dedicati alcune delle vostre attività svolte con i suoi servizi. Nel caso di Google Assistant rimangono sicuramente alcune registrazioni audio, come quelle di training del modello vocale “Ok Google“.

Le registrazioni audio relative ai comandi vocali possono essere facilmente cancellate recandosi alla pagina Le mie attività selezionando l’opzione “Elimina attività per” e impostando come tipologia di servizio Google Assistant. Applicando questa procedura però non verranno cancellate le registrazioni di training, quelle in cui ci veniva chiesto di allenare il riconoscimento vocale pronunciando tre volte “Ok Google“. (altro…)

Il 40% degli internauti svenderebbe la sua privacy al miglior offerente

Ad ogni scandalo circa il mancato rispetto della privacy degli utenti della rete, si alza più forte il grido di protesta verso chi tradisce la fiducia degli internauti, al fine di spingere i maggiori colossi del web a trattare con assoluta cura i dati sensibili degli utenti e a non svenderli in nome del profitto indiscriminato. Salvo poi scoprire però, che oltre un terzo degli utenti del web sarebbe disposto a concedere l’accesso totale ai propri dati privati, in cambio di somme in denaro.

Questa è soltanto una delle sconvolgenti realtà che affiorano dall’ultimo studio svolto da Kaspersky Lab, che svela appunto che per il 39% degli utenti (in Italia e nel mondo) la privacy ha un prezzo, eccome. Per il 29% degli internauti italiani addirittura, sarebbe sufficiente ottenere qualcosa a titolo gratuito per convincerli a concedere libero accesso ai dati personali, senza minimamente pensare alle conseguenze che questo atteggiamento può comportare. (altro…)

La modalità incognito è in arrivo su Google Maps (e su tutte le app Google)

In mezzo a tutte le novità annunciate a questo Google I/O, ci sono anche piccoli cambimenti relativi alla gestione della privacy, che l’azienda di Mountain View ha provato a semplificare.

In primo luogo, da tutte le principali app Google sarà immediato accedere alla gestione dell’account (e le relative impostaizoni sulla privacy). A prescindere dal software, basterà cliccare sull’avatar circolare in alto a destra e cliccare su Gestisci Account Google. (altro…)

Google Chrome potrebbe presto permettervi di limitare i cookies…degli altri

Le preoccupazioni sui temi riguardanti la privacy vanno ad influenzare, per forza di cose, anche Google. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Google Chrome potrebbe presto permettere agli utenti di controllare i permessi concessi ai cookies e di conseguenza limitarne la loro funzione.

Ma Google sa che la sua potenza e il suo dominio in ambito pubblicitario sono inarrivabili proprio grazie agli strumenti di tracking proprietari, e per questo potrebbe consentire la limitazione solo degli agenti di terze parti, e lasciare inalterata la funzionalità di quelli proprietari, così da non perdere il proprio vantaggio. (altro…)

Preoccupati per la Privacy? Google introduce la cancellazione programmata della cronologia dei luoghi e delle vostre attività online (foto)

Che cerchiate le ultime notizie su una argomento, il percorso più rapido per raggiungere un luogo o semplicemente un locale dove cenare Google cerca di offrirvi la risposta più adeguata alle vostre esigenze e in linea con i vostri gusti. Per farlo raccoglie necessariamente una lunga serie di dati. Tutte queste informazioni possono essere consultate e gestite tramite il vostro account in maniera non troppo complicata. Volendo si può anche decidere di non far conservare alcuna memoria dei luoghi che visitiamo, ricerche effettuate sul Web, ecc.

Inoltre tutti i dati raccolti fino a quel momento possono essere esportati (in linea con l’ultima direttiva europea sulla Privacy GDPR) o cancellati. Se quest’ultima è la vostra scelta, vi potrà interessare sapere che Google introdurrà nelle prossime settimane un nuovo tipo di controlli mirato ad offrire maggiori alternative che non siano semplicemente “tieni tutto” o “cancella tutto”. (altro…)

La beta 3 di Android Q metterà in stand-by la funzionalità Scoped Storage: cos’è e perché è importante

Con il rilascio della beta 2 di Android Q Google ha introdotto una funzionalità denominata Scoped Storage, la quale riveste un ruolo di rilevante importanza per la privacy degli utenti Android.

Questa funzionalità prevede che per ogni app installata il sistema Android crei degli spazi isolati nell’archivio interno, i quali non sono accessibili da app esterne: per questo motivo i file come immagini, video e download rientrano tra quelli condivisi e accessibili da tutte le app. Inoltre, ogni app inoltre non necessita di ulteriori permessi per continuare a scrivere sul rispettivo spazio riservato in memoria. Questo vi fa capire come Scoped Storage sia stato concepito per incrementare il livello di privacy e sicurezza di Android. (altro…)

Difficoltà con la crittografia per Facebook: milioni di password Instagram memorizzate in chiaro

Nemmeno un mese fa parlavamo, con una certa preoccupazione, della rivelazione di Facebook relativamente alla memorizzazione in chiaro delle password di milioni di suoi utenti. Oggi torniamo a farlo allo stesso modo, Facebook ha annunciato che la stessa cosa è accaduta per le password di Instagram.

L’annuncio arriva direttamente dal colosso dei social network, tramite un aggiornamento dello stesso post di annuncio del mese scorso: secondo il portavoce di Facebook non dovete vederlo come un tentativo di attirare meno attenzione sulla vicenda, si sono semplicemente accorti che le password interessate dalla memorizzazione in chiaro erano più del previsto e riguardavano anche Instagram. (altro…)

Instagram aveva un “piccolo” bug che causava un “piccolo” problema di privacy (foto)

Le storie di Instagram sono un ottimo modo per condividere rapidi pensieri e foto senza “intasare” il proprio feed. In questo modo i propri amici possono accedere rapidamente a quello che facciamo e darci subito un’occhiata. E se non fossero solo gli amici a poterlo fare?

Un bug della piattaforma (riconosciuto dal team di sviluppo e prontamente rimosso) ha permesso ad alcuni utenti di vedere le storie di account che loro non seguivano. Instagram ha indicato che il numero di utenti afflitto da questo bug è stato molto esiguo, e, comunque, con un account privato non era possibile vedere le storie. (altro…)

Vulnerabilità in casa Xiaomi: Mi Browser e Mint Browser a rischio spoofing, perché preoccuparsi

Vi riportiamo un’interessante ricerca svolta da un ricercatore indipendente di sicurezza, tale Arif Khan, che ha come protagonisti due browser web di Xiaomi dedicati ai dispositivi mobili: Mi Browser e Mint Browser.

Le due app soffrono di un problema di vulnerabilità scoperto quasi casualmente dal ricercatore citato prima: il problema consiste nell’incompleta visualizzazione degli URL nella barra degli indirizzi dei browser a partire da un link relativo a qualsiasi sito web. Questo potrebbe aprire le porte a pratiche di spoofing da parte di eventuali malintenzionati: ovvero il camuffamento di link o file nocivi per il device per renderli apparentemente innocui. (altro…)

L’app 1.1.1.1 di Cloudflare si prepara alla sua VPN: come iscriversi alla lista d’attesa (foto)

Abbiamo già avuto modo di parlare del servizio DNS 1.1.1.1 di Cloudflare, il quale promette più privacy ed ottimizzazione della velocità di rete. Torniamo a parlarne perché la sua app mobile sta per introdurre una sua specifica VPN.

La Virtual Private Network (VPN) offre un livello di privacy maggiore perché applica una sorta di crittografia geografica alla connessione internet. La funzionalità che sta per implementare Cloudflare è stata denominata Warp e sarà completamente gratuita ed esente da annunci pubblicitari. Inoltre, sarà possibile sottoscrivere il profilo Warp+ a pagamento per usufruire delle migliori performance di rete. (altro…)

Torna all'inizio