Articoli con tag Google Pixel 3

Stadia potrebbe funzionare solo sui Pixel di Google

Uno dei punti di forza di Google Stadia è la sua universalità, nel senso che, per come è immaginato il servizio, potrà funzionare senza troppe difficoltà su computer di ogni tipo (laptop, fissi, Chromebook, Macbook e così via), su televisori (con Chromecast e il controller di Stadia), su tablet e, dulcis in fundo, su smartphone. E se proprio su smartphone ci fossero delle limitazioni?

Il nostro sospetto nasce da svariati indizi. Partiamo dal sito ufficiale italiano di Stadia, che riporta la dicitura “Gioca su qualsiasi dispositivo, inclusi laptop, computer desktop e telefoni e tablet selezionati.“. Quel “telefoni e tablet selezionati” non suona benissimo. Da una parte potrebbe trattarsi di un requisito hardware minimo, ma considerato che in teoria Stadia non dovrebbe aver bisogno di un hardware così prestante (lato giocatore) Google avrebbe potuto semplicemente specificare dei requisiti (2 GB di RAM, Android 4.4 o superiori e simili, per dire). (altro…)

La beta Android Q permette di rimappare la funzione di strizzamento dei Pixel: ecco come fare (video)

Le ultime dei generazioni di Google Pixel presentano una particolare funzionalità denominata ufficialmente Active Edge, ribattezzata “strizzamento“, che offre la possibilità di richiamare Google Assistant spremendo i bordi del dispositivo con la mano. Sembra che Google abbia in mente di concedere agli utenti la personalizzazione di questa funzionalità, offrendo maggiori possibilità oltre ad Assistant.

Già nella prima beta di Android Q è integrata questa nuova opzione, sebbene sia nascosta. Grazie al lavoro svolto da XDA, sappiamo che abilitando il comando ADB secure assist_gesture_any_assistant, è possibile attivare la personalizzazione di Active Edge direttamente dalle impostazioni del device: mediante lo strizzamento sarebbe possibile attivare anche app di terze parti; gli orizzonti si allargano ulteriormente usando Tasker come mostrato nel video in basso. (altro…)

La beta Android Q permette di rimappare la funzione di strizzamento dei Pixel: ecco come fare (video)

Le ultime dei generazioni di Google Pixel presentano una particolare funzionalità denominata ufficialmente Active Edge, ribattezzata “strizzamento“, che offre la possibilità di richiamare Google Assistant spremendo i bordi del dispositivo con la mano. Sembra che Google abbia in mente di concedere agli utenti la personalizzazione di questa funzionalità, offrendo maggiori possibilità oltre ad Assistant.

Già nella prima beta di Android Q è integrata questa nuova opzione, sebbene sia nascosta. Grazie al lavoro svolto da XDA, sappiamo che abilitando il comando ADB secure assist_gesture_any_assistant, è possibile attivare la personalizzazione di Active Edge direttamente dalle impostazioni del device: mediante lo strizzamento sarebbe possibile attivare anche app di terze parti; gli orizzonti si allargano ulteriormente usando Tasker come mostrato nel video in basso. (altro…)

Il vostro Pixel 3 vi sembra più veloce con la prima beta di Android Q? Non è magia (foto)

I possessori di Pixel 3 e Pixel 3 XL che hanno deciso di installare subito la prima Developer Preview di Android Q potrebbero essersi accorti di una maggiore fluidità generale del sistema e di una migliore reattività nell’utilizzo di alcune app, rispetto a quanto erano abituati con i firmware stabili basati su Pie. Grande lavoro di ottimizzazione di Google? Effetto placebo? No, il motivo è ancora più semplice (e concreto).

Se ben ricordate infatti, al momento del lancio i nuovi Pixel di terza generazione fecero parlare di sé anche per la scelta di Big G – da alcuni giudicata incomprensibile – di abbassare la frequenza dello Snapdragon 845 a 2,45 GHz, contro i canonici 2,8 GHz. Ora però con Android Q – non si sa per se per un dietrofront di Google o se per errore – il clock del processore è tornato ai livelli fissati da Qualcomm e la differenza, per quanto non decisiva, si nota eccome. (altro…)

Pixel 2 e Pixel 3 con Android Q tradiscono Google Assistant? Spremendo i bordi si può attivare… Alexa! (foto)

A partire dalla seconda generazione di Google Pixel – grazie all’acquisizione da parte di Big G del team che aveva inventato la funzione sugli smartphone HTC – è possibile richiamare Google Assistant servendosi di Active Edge, ovvero esercitando una pressione sui bordi dei dispositivi. Fino a questo momento però, l’unico modo per assegnare scorciatoie alternative alla spremitura dei bordi era ricorrere ai permessi di root. Ma con Android Q la situazione potrebbe cambiare.

È infatti stato scoperto che, nella prima beta di Android Q, è stata introdotta la possibilità di rimappare la funzione da richiamare spremendo i bordi dei Pixel 2 e Pixel 3. In realtà, tale possibilità è ben celata nel sistema, attivabile soltanto per mezzo di un comando ADB, che tuttavia non richiede operazioni di modding ed è dunque alla portata di tutti. (altro…)

Mettetevi e comodi e date il benvenuto alla prima beta di Android Q: queste le prime novità (foto)

La notizia era nell’aria da qualche giorno e sta mattina ve l’avevamo anche anticipata: Google ha rilasciato la prima beta di Android Q, la nuovissima versione del robottino verde con la quale possiamo iniziare a fare conoscenza.

Si tratta di una prima beta riservata agli sviluppatori e, dunque, è riservata all’installazione manuale sui dispositivi Pixel di qualunque generazione. Essendo una prima release beta, Google si è tenuta un po’ in termini di nuove funzionalità: (altro…)

Volete Windows 10 ARM su Google Pixel 3 XL? Si può fare! (video)

Da quando Microsoft ha rilasciato la versione ARM di Windows 10, il più famoso tra i sistempi operativi per PC è stato portato su tantissimi prodotti diversi, anche i più inaspettati. Nessuno, però, aveva ancora mai osato metterlo in uno smartphone di Google, o almeno non fino a questo momento. Il piccolo filmato che trovate a fine articolo rompe questo tabù: quello che vedete nelle immagini è proprio un Google Pixel 3 XL che fa girare Windows 10 ARM.

Il video è stato realizzato da Bas Timmer, conosciuto su Twitter come @NTAuthority, il quale è riuscito a portare a termine questo strano progetto mettendo insieme due elementi non troppo familiari. La magia è stata resa possibile dal fatto che Pixel 3 XL monta un SoC ARM, il potente Snapdragon 845, dunque è compatibile con l’apposita versione di Windows realizzata proprio per architettura ARM. (altro…)

Ecco le patch di marzo per Google Pixel ed Essential Phone: incluse anche delle piccole sorprese (foto)

Ormai siamo più che abituati al rilascio puntuale delle patch di sicurezza mensili per i dispositivi di Google e per Essential Phone. Quelle di marzo saranno particolarmente apprezzate perché includono anche delle piccole sorprese per alcuni di questi dispositivi.

Stiamo parlando dei Pixel 3 che, oltre a ricevere l’aggiornamento delle patch di sicurezza Android, ottengono alcuni importanti miglioramenti software: la reattività dell’app Fotocamera è stata incrementata, cosi come le performance nel recupero degli aggiornamenti OTA , le performance di lettura/scrittura in memoria e la stabilità del Bluetooth. Per Essential Phone la gradita sorpresa si chiama Digital Wellbeing. (altro…)

Grazie a un nuovo porting potete strizzare nuove funzioni dai vostri Pixel con una Custom ROM (foto e video)

Per la prima volta è stato realizzato un porting della funzione Active Edge degli ultimi Pixel 2 e Pixel 3. Grazie al lavoro di un membro del team XDA e degli sviluppatori dietro la Dirty Unicorns ROM ora potete sfruttare un vasto ventaglio di opzioni quando il strizzate il telefono (con una custom ROM).

Se siete interessati potete trovare tutto quanto vi serve direttamente nel Gerrit di Dirty Unicorns o in Github. Al momento però sono disponibili solamente le candidate build per Pixel 2 XL, Pixel 3 e Pixel 3 XL. La versione standard di Pixel 2 rimane fuori dai giochi, almeno ufficialmente, ma se avete un po’ d’esperienza dovreste riuscire a selezionare i commit e le librerie necessarie. (altro…)

A San Valentino mostrate tutto il vostro amore con il nuovo pacchetto di Playmoji per Google Pixel (foto)

San Valentino è arrivato, il giorno in cui universalmente si celebra il più forte dei sentimenti umani: l’amore. Anche il mondo della tecnologia ha omaggiato in molti modi la festa degli innamorati e non poteva mancare nemmeno Google, che per l’occasione ha pubblicato sul Play Store un nuovo pacchetto di Playmoji per i possessori di smartphone Pixel.

Il pacchetto è dedicato infatti a Playground, la modalità di realtà aumentata dei Google Pixel che appunto supporta l’installazione di diversi pacchetti aggiuntivi, grazie ai quali ampliare la scelta e il divertimento. Grazie ai Playmoji a tema amoroso, il vostro Pixel trasformerà il mondo in un tripudio di baci e cuoricini. (altro…)

Torna all'inizio