Problemi a svegliarvi? Provate le nuove routine di Assistant nella sveglia Google! (foto)

Google Assistant si fa sempre più largo nel mondo Android, come abbiamo visto negli ultimi giorni (pulsanti dedicati, Messaggi, ecc.), e l’ultima app nella quale è stato avvistato è nientemeno che l’Orologio di Google. Per la precisione si tratta delle sveglie, che diventano ora più intelligenti grazie alle routine dell’Assistente Google.

Ogni volta che ignorerete una sveglia potrete far sì che l’Assistente esegua ulteriori azioni, tutte volte ovviamente a farvi alzare, ma non solo. Potrà leggervi le previsioni del tempo, la vostra agenda giornaliera, darvi le informazioni sul traffico, o anche accendere le luci, regolare il termostato, o riprodurre musica e notizie. Insomma, sarà praticamente impossibile non svegliarsi, e sarete voi a decidere quanto dovrà essere insistente l’Assistente. Continue reading

Google Assistant invade una nuova posizione sul vostro Android: lo vedete anche voi? (foto) (aggiornato)

Google Assistant, l’assistente virtuale di BigG, si sta diffondendo in modo sempre più capillare nei diversi servizi ed app Google. In alcuni casi potrebbe sembrare persino superfluo, come quello che vi stiamo per mostrare.

L’immagine riportata nella galleria in basso chiarisce quanto abbiamo detto: l’icona di Google Assistant ha “invaso” la pagina google.it del vostro browser web per Android, nella parte superiore leggermente a destra. A cosa serve? Ad accedere alla classica interfaccia di Assistant, alla quale si può accedere in tanti altri modi. Continue reading

Il vostro dispositivo Google Home da adesso può essere il vostro interprete personale

La traduzione istantanea di una conversazione non è una cosa nuova: Google Traduttore era già stato incluso nelle Pixel Buds, e tramite le cuffiette potevate tradurre (quasi) istantaneamente il parlato. Da oggi, però, questa funzionalità va ad includersi nella versione di Google Assistant dedicata ai dispositivi Google Home.

I dispositivi compatibili includono tutti i dispositivi Google Home, “alcuni speaker con Assistant incluso” e tutti gli Smart Display. Noi siamo riusciti ad avviare una sessione di traduzione istantanea chiedendo al dispositivo “interprete in inglese” e concludendola con un “interrompi”. Continue reading

Il tema scuro di Google Assistant potrebbe arrivare prima di Android Q (foto)

Una delle novità attese per Android Q è il tema scuro integrato di default nel sistema e attivabile nelle impostazioni. Tuttavia, alcune app si stanno già aggiornando per includere questa funzionalità (come YouTube), e tra queste ora spunta pure l’app Google, nella sua parte relativa ad Assistant.

L’ultima versione beta dell’app (5.9), infatti, permette di mostrare le schede dei risultati in modalità scura, con sfondo completamente nero (per il piacere degli schermi Amoled) e testo bianco. Per attivarlo l’utente deve essere in modalità di risparmio energetico attivo o dev’essere attivata la “modalità notte” all’interno delle opzioni sviluppatore di Android Pie. Continue reading

Addio Cortana? Microsoft ne pianifica la subordinazione a Google Assistant ed Alexa

Sembra proprio che Cortana stia per essere declassato da Microsoft, il colosso di Redmond starebbe pensando ad una subordinazione del suo assistente vocale intelligente a Google Assistant ed Amazon Alexa, che ormai la fanno da padroni in questo settore.

Cortana non seguirebbe l’esatto declino di Windows Phone di fronte ai colossi Android e iOS. Stando a quanto emerso dalle dichiarazioni di Satya Nadella – il CEO di Microsoft – Cortana potrebbe diventare una funzionalità integrata di Google Assistant ed Alexa: una sorta di valore aggiunto utilizzabile opzionalmente in determinati contesti. Microsoft crede molto in questo progetto, tanto da aver già stretto una partnership con Amazon in tal senso. Continue reading

Mobvoi annuncia l’arrivo di nuove funzioni di sicurezza, fitness e Google Assistant sui TicWatch con Snapdragon

I nuovi Ticwatch di Mobvoi hanno fatto il loro debutto giusto un paio di giorni fa al CES 2019 e ve ne abbiamo parlato qui in dettaglio. Ora però l’azienda ha annunciato di avere in serbo interessanti novità per i suoi ultimi due prodotti. In particolare si tratta del prossimo arrivo di alcune pratiche funzioni che riguarderanno però tutti i suoi dispositivi equipaggiati con i SoC Snapdragon Wear.

Si parte dalla “fall detection” ossia nel momento in cui l’orologio dovesse percepire un’improvvisa caduta partirebbe automaticamente un allarme e una notifica ai contatti di emergenza. La funzione è salita alla ribalta della cronaca grazie ad Apple che l’ha pubblicizzata come parte dell’armamentario della quarta serie di Apple Watch. Tra le novità annunciate c’è anche l’arrivo di Google Assistant azionabile direttamente tramite gesture personalizzate. Continue reading

Hey Google, che crescita nel 2018!

Il 2018 è stato un grande anno per l’assistente intelligente di Mountain View, lo dicono chiaramente le cifre pubblicate da Google stessa per ripercorrere l’anno appena finito. Oltre ad aver subito una rivisitazione estetica Google Assistant è arrivato ad essere installato su circa un miliardo di dispositivi in tutto il mondo. Una bella crescita se si considera che lo scorso maggio erano “solo” 500 milioni.

Assistant non solo è stato reso disponibile in 80 paesi arrivando a parlare 30 lingue, ma ha aggiunto anche elementi di conversazione naturale e la possibilità di comprendere più lingue contemporaneamente. Giorno dopo giorno la creatura di Google sta diventando sempre più il palcoscenico su cui viene mostrata la potenza dell’IA sviluppata dai suoi ingegneri. Continue reading

Google Assistant potrebbe avere tutto piazzato sulla nuova barra inferiore (foto)

Google continua a sperimentare novità grafiche per le sue app, dando particolare attenzione all’interfaccia di Assistant. Negli ultimi giorni, alcuni utenti hanno segnalato un cambiamento importante relativo ad alcuni elementi dell’assistente intelligente, che ora presenta un’estetica basata tutta sulla barra inferiore.

Come potete vedere nelle immagini a fine articolo, la nuova grafica di Assistant in test per alcuni utenti ha una rinnovata barra inferiore, sulla quale sono collocati tutti i pulsanti utili per l’interazione manuale. Al centro c’è l’icona del microfono, per avviare i comandi vocali, mentre subito ai lati sono visibili l’icona di Google Lens e quella per l’inserimento tramite tastiera. Spostati ai margini della barra si trovano il pulsante per accedere al feed e il tab Esplora, collocato in questa nuova posizione. Continue reading