La beta Android Q permette di rimappare la funzione di strizzamento dei Pixel: ecco come fare (video)

Le ultime dei generazioni di Google Pixel presentano una particolare funzionalità denominata ufficialmente Active Edge, ribattezzata “strizzamento“, che offre la possibilità di richiamare Google Assistant spremendo i bordi del dispositivo con la mano. Sembra che Google abbia in mente di concedere agli utenti la personalizzazione di questa funzionalità, offrendo maggiori possibilità oltre ad Assistant.

Già nella prima beta di Android Q è integrata questa nuova opzione, sebbene sia nascosta. Grazie al lavoro svolto da XDA, sappiamo che abilitando il comando ADB secure assist_gesture_any_assistant, è possibile attivare la personalizzazione di Active Edge direttamente dalle impostazioni del device: mediante lo strizzamento sarebbe possibile attivare anche app di terze parti; gli orizzonti si allargano ulteriormente usando Tasker come mostrato nel video in basso. Continue reading

Pixel 2 e Pixel 3 con Android Q tradiscono Google Assistant? Spremendo i bordi si può attivare… Alexa! (foto)

A partire dalla seconda generazione di Google Pixel – grazie all’acquisizione da parte di Big G del team che aveva inventato la funzione sugli smartphone HTC – è possibile richiamare Google Assistant servendosi di Active Edge, ovvero esercitando una pressione sui bordi dei dispositivi. Fino a questo momento però, l’unico modo per assegnare scorciatoie alternative alla spremitura dei bordi era ricorrere ai permessi di root. Ma con Android Q la situazione potrebbe cambiare.

È infatti stato scoperto che, nella prima beta di Android Q, è stata introdotta la possibilità di rimappare la funzione da richiamare spremendo i bordi dei Pixel 2 e Pixel 3. In realtà, tale possibilità è ben celata nel sistema, attivabile soltanto per mezzo di un comando ADB, che tuttavia non richiede operazioni di modding ed è dunque alla portata di tutti. Continue reading

Google Assistant si fa sempre più poliglotta anche per il bilinguismo (foto)

Google Assistant sa già parlare in due lingue allo stesso tempo, ma sinora il supporto era limitato solo a pochi idiomi selezionati. Nelle ultime settimane, però, la compatibilità del bilinguismo è stata ulteriormente estesa, aggiungendo tante lingue e dialetti inediti.

Ciò vuol dire che ora potrete impostare più lingue con cui comandare vocalmente il vostro assistente Google, utilizzandole entrambe allo stesso tempo. Ad esempio, potete decidere di parlargli in italiano e in russo, oppure anche in Francese Svizzero e Tedesco Austriaco, andando a perfezionare in maniera molto più precisa il riconoscimento del vostro accento. Continue reading

Recensione BroadLink RM mini 3: Google Assistant per tutti

Avete in casa dispositivi che comunicano con tecnologia a infrarossi? Siete stufi di utilizzare mille telecomandi? Oggi vi parlerò del Broadlink RM mini 3. Un telecomando universale che vi permetterà di gestire tutti questi dispositivi anche con comandi vocali, dal vostro smartphone o Google Home.

(...)
Continua a leggere Recensione BroadLink RM mini 3: Google Assistant per tutti su Androidiani.Com Continue reading

Google Assistant aggiunge il supporto all’italiano su Android TV!

La piattaforma Android TV non è certo al centro delle novità visto che riceve aggiornamenti piuttosto di rado e che i cambiamenti sono strettamente legati all’attività dei produttori. Stavolta però la notizia potrebbe interessare i nostri lettori: Google infatti ha aggiornato la pagina di supporto di Assistant per includere il supporto a quattro nuove lingue tra cui l’italiano.

Gli altri idiomi aggiunti sono tedesco, portoghese brasiliano e spagnolo e si vanno ad aggiungere ad inglese, francese, giapponese e coreano per un totale di otto lingue. Siamo ben lontani dai 19 inclusi da Google Assistant su smartphone (senza contare vari dialetti). Continue reading

Google Duplex ora prenota un ristorante al posto vostro, ma solo negli USA

Vi abbiamo già parlato delle novità in vista per Google Assistant, il quale grazie all’integrazione con il nuovo Duplex sarà in grado di gestire autonomamente molti aspetti della nostra vita. Uno di quelli fondamentali consiste nel nutrimento ed Assistant è già in grado di prenotare in autonomia un tavolo al ristorante.

Questa funzionalità è ristretta a determinate aree geografiche ed accessibile da determinati dispositivi. L’area geografica è tipicamente quella degli Stati Uniti, dove Google ha annunciato di aver appena diffuso questa funzionalità ad un numero maggiore di stati statunitensi, in totale 43. La feature, al momento, rimane accessibile soltanto da dispositivi Pixel. Continue reading

Non potrete più sbloccare il vostro smartphone con Voice Match: è partito il ritiro della funzionalità (foto)

Qualche mese fa vi abbiamo anticipato la volontà di Google di impedire lo sblocco dei dispositivi Android mediante la funzionalità chiamata “Voice Match“, quella che a fronte del riconoscimento del classico “Ok Google” vi apriva tutte le porte del vostro device.

Sembra che questo momento sia definitivamente arrivato, mediante un aggiornamento lato server BigG sta rimuovendo questa funzionalità, sostituendola con quello che vedete nelle immagini in galleria: l’attivazione del device mediante Voice Match vi darà accesso soltanto ad alcune informazioni di Google Assistant come promemoria, email, Calendario, Contatti e liste della spesa. L’accesso a queste specifiche informazioni può essere anche impedito attraverso le impostazioni dell’app Google. Continue reading

JBL Link Bar è la soundbar dei sogni, che integra anche Android TV e Google Assistant! (aggiornato: rinviata)

Google ha appena annunciato il dispositivo che non ti aspetti: una soundbar, realizzata in collaborazione con JBL, che integra Android TV e Google Assistant. E scusate se è poco.

Si chiama JBL Link Bar, e vi permette non solo di potenziare l’audio del vostro televisore, ma anche di arricchirne il lato “smart”, dato che integra Android TV al suo interno. Non solo, grazie a Google Assistant, potrete controllare tutto con il suono della vostra voce, dalla TV, ad Android TV, alla soundbar stessa, per non parlare dei tanti dispositivi IoT compatibili con l’ecosistema Google. La parte relativa ad Assistant non è infatti integrata in Android TV, ma è sempre operativa, come fosse un dispositivo Google Home. In questo modo sarà sempre pronta ai vostri comandi e potrete utilizzarla per controllare tutto in modo indipendente. Continue reading

Vi serve una stampa al volo? Con le nuove stampanti Epson lo potete chiedere a Siri (o Google Assistant)

Epson ha rilasciato un aggiornamento che vi permette di usare con maggiore rapidità la vostra stampante connessa. Grazie all’aggiunta del supporto a Siri e Google Assistant non avrete più bisogno di trovarvi vicino alla macchina per far partire una stampa o controllare i livelli di inchiostro, vi basterà chiederlo al vostro assistente vocale.

Per accedere alle nuove funzioni per Siri dovrete aggiornare l’app Epson iPrint, mentre per Google Assistant è necessario eseguire un aggiornamento del firmware della stampante stessa. La novità riguarda le linee EcoTank, WorkForce ed Expression e per funzionare necessita anche di Epson Connect. Continue reading

Anteprima Lenovo Smart Clock: una sveglia con Google Assistant da soli 79$!

Allo stand Lenovo presente al Mobile World Congress di Barcellona abbiamo avuto modo di spendere un po’ di tempo in compagnia di Lenovo Smart Clock, un dispositivo svelato durante la scorsa edizione del CES che se tutto va bene vedremo arrivare anche sul mercato europeo nel corso di questo 2019.

Si tratta di una vera e propria sveglia smart basata su Google Assistant, e di conseguenza su tutte le interazioni e i comandi vocali supportati dall’assistente di casa Google. Potete quindi impostare delle routine, come quelle per il buongiorno e la buonanotte, che accendano o spengano le luci facendo al contempo partire musiche rilassanti per il risveglio o per addormentarsi. Continue reading