Articoli con tag brevetti

Samsung si arma di brevetti: fotocamera biometrica, schermo avvolgibile e “nuovo” design per smartphone (foto)

Oggi vi riportiamo le ultime novità riguardanti i brevetti depositati da Samsung, le quali sono abbastanza rilevanti e si riferiscono principalmente agli smartphone. L’organismo UPSTO, il quale si occupa della ricezione ed approvazione dei brevetti in territorio statunitense, ha approvato tre brevetti depositati dall’azienda sudcoreana relativi a diversi aspetti degli smartphone.

Il primo di essi si riferisce ad una particolare fotocamera, la quale avrebbe la funzione di riconoscimento biometrico in tre dimensioni, andando a competere direttamente con il sistema Face ID di Apple presentato su iPhone X. Come vediamo dalla prima immagine in galleria, si tratterebbe di un sistema per il riconoscimento dell’iride in 3D, il quale sarebbe innovativo ed in grado di funzionare anche nelle situazioni critiche in cui i sistemi attuali faticano. La seconda immagine mostra chiaramente il diagramma a blocchi del sistema, con i vari componenti hardware per garantirne la resa ottimale. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Sognate un’intelligenza artificiale che vi alleni? Google potrebbe integrarla in Wear OS (foto)

Oggi torniamo a parlare dei dispositivi indossabili e dei relativi campi di applicazione, tra i quali troviamo sicuramente quello dell’attività fisica. Sembra che Google si stia muovendo in tal senso, brevettando una piattaforma dedicata al fitness basata sull’intelligenza artificiale.

La schematizzazione della piattaforma brevettata potete osservarla bene nell’immagine riportata in galleria: essa combina le informazioni sull’attività fisica rilevate dal dispositivo con quelle relative alla geolocalizzazione, agli eventi in calendario ed ai progressi raggiunti. L’obiettivo sarebbe quello di stimolare l’utente all’attività fisica in modo mirato, ad esempio proponendo di uscire prima e recarsi a piedi ad uno specifico appuntamento. (altro…)

Torna all'inizio