Moto Z4 potrebbe non vedere ufficialmente Android R, le sfortune di non essere un top di gamma

Motorola ha da poco ufficializzato il suo nuovo Moto Z4, uno smartphone che si colloca nella gamma media pur presentando alcune feature degli attuali top di gamma come la versatilità della compatibilità con Moto Mods ed  un lettore d’impronte integrato nel display.

Il dispositivo al momento è destinato alla commercializzazione unicamente nel mercato statunitense, dove è stato lanciato con Android Pie. Stando a quanto comunicato da Motorola, interpellata a riguardo da Digital Trends, lo smartphone riceverà il major update ad Android Q ma probabilmente non quello ad Android R. La ragione va ricercata nel fatto che Moto Z4 non è un top di gamma per Motorola e come tale non riceverà i classici due anni di aggiornamenti software che l’azienda assicura ai suoi flagship. Continue reading

Il launcher che abilita la modalità desktop di Android Q fa progressi, ma Google per ora rimane a guardare (video)

Una delle più succose novità che Android 10 Q potrebbe introdurre riguarda una modalità desktop nativa. Allo stato attuale però, sembra ancora relegata ad uno stadio di sviluppo embrionale, tanto che non è affatto chiaro se Google abbia davvero voglia di renderla fruibile dagli utenti, oppure se la abbandonerà al suo destino, come uno dei tanti rami secchi a cui ci ha abituato. E a domandarselo è anche Daniel Blandford, sviluppatore di un launcher capace di abilitare questa modalità desktop.

Dopo aver mostrato in anteprima il suo progetto quasi un mese fa, Blandford ha pubblicato un nuovo video in cui mostra i progressi della sua creatura, chiamata Flow Desktop. Le novità riguardano essenzialmente la personalizzazione dell’interfaccia grafica, che risulta gradevole e ben rifinita, ma che si scontra con grossi limiti che soltanto Google può limare. Continue reading

Huawei conferma l’aggiornamento ad Android Q per Mate 20 Lite, ed anche la serie Honor 20 dovrebbe riceverlo

Nell’elenco di smartphone che saranno aggiornati ad Android Q, che Huawei ha diffuso giusto ieri, spiccava un’assenza: quella di Mate 20 Lite. Per fortuna il nostro lettore Davide (che ringraziamo molto) ha pensato bene di contattare l’assistenza clienti Huawei in merito, e la loro risposta è stata chiara e lapidaria: Mate 20 Lite è incluso nella lista di smartphone che saranno aggiornati, quindi anche i suoi proprietari possono dormire sonni tranquilli.

Altrettanto si può dire per la serie Honor 20, ovvero l’omonimo smartphone, Honor 20 Pro ed Honor 20 Lite. Sebbene non ci sia un vero e proprio comunicato ufficiale, una fonte fidata ci ha confermato che anche loro saranno aggiornati ad Android Q, ed in mancanza di prove contrarie gli crediamo; anzi, speriamo che l’elenco si allunghi. Continue reading

Il ban degli USA non ferma Huawei: ecco gli smartphone che si aggiorneranno ad Android Q

Il ban imposto dagli Stati Uniti, per il momento rinviato a metà agosto, ha colpito duramente Huawei, ma l’azienda è lungi dal volersi arrendere. Il principale problema è da ricercarsi nelle voci che circolano a riguardo del celebre marchio cinese, quali ad esempio l’impossibilità di scaricare le app legate al social Facebook, l’annullamento della garanzia e persino la paura che Android venga rimosso dagli smartphone già in possesso degli utenti. Sembra fantascienza, ma per chi non ha una certa dimestichezza con gli smartphone alcune di queste voci potrebbero suonare come vere, tanto da spingere Huawei a realizzare una pagina “Huawei Answers” dove smentire i vari rumor con risposte chiare e dirette.

Proprio nella stessa pagina l’azienda ha anche raccolto gli smartphone Huawei che verranno aggiornati ad Android Q. Sì, nonostante tutto Huawei sta lavorando alacremente per portare la più recente versione del robottino verde sui suoi smartphone di punta. In una immagine dedicata agli utenti inglese, l’azienda ha specificato di aver già lanciato un programma beta per Android Q su Huawei Mate 20 Pro, e in ogni caso un sufficientemente ampio elenco di smartphone, P30 inclusi, riceveranno prossimamente l’aggiornamento. Il messaggio, che trovate al termine dell’articolo, è stato poi rimosso da Huawei, che ha poi invitato l’utenza a consultare la già citata pagina. Ecco l’elenco completo diffuso da Huawei: Continue reading

HMD e Google si alleano per aumentare la sicurezza dei dati in cloud e la velocità degli aggiornamenti Nokia

HMD Global ha appena annunciato di aver stretto una partnership con Google e l’azienda di consulenza CGI per la migrazione e l’archiviazione dei dati delle prestazioni e delle attivazioni dei telefoni presso la struttura Google Cloud in Finlandia. L’iniziativa ha lo scopo di migliorare la velocità e la precisione degli aggiornamenti dei dispositivi Nokia e rafforza l’impegno da parte di HMD di aderire alle normative di sicurezza europee, inclusi i regolamenti sulla Privacy (come il GDPR).

I primi smartphone Nokia i cui dati saranno archiviati nel nuovo centro – in seguito all’aggiornamento ad Android Q – saranno Nokia 4.2, Nokia 3.2 e Nokia 2.2. La migrazione di quelli precedenti comincerà sempre con l’avvento di Android Q e sarà completata nel 2020. Continue reading

La beta di Android Q per OnePlus 6 / 6T è già disponibile! Ecco come installarla (aggiornato: nuova Developer Preview)

OnePlus si è dimostrata molto veloce nel rilasciare la beta di Android Q al suo ultimo top di gamma, OnePlus 7. Ma forse i possessori di OnePlus 6 e 6T non si aspettavano molta celerità nel rilascio dell’ultimissima versione Android anche per i loro device. Ed invece OnePlus, un po’ a sorpresa ha appena annunciato la nuova Developer Preview per OnePlus 6 e 6T.

Il nuovo firmware per sviluppatori è disponibile per tutti gli utenti che vogliono installarlo ed essendo una prima versione di test include alcuni bug: Continue reading

Trapela la prima beta di EMUI 10 basata su Android Q per Huawei P30 Pro (aggiornato: nuovi screenshot) (foto)

Mentre si attende ancora un annuncio ufficiale da parte di Huawei sull’arrivo della prossima versione del suo firmware, è trapelata oggi la prima beta di EMUI 10 basata su Android Q. In particolare il noto sito FunkyHuawei, specializzato nello sblocco dei dispositivi dell’azienda cinese, è riuscito a mettere le mani su una prima versione per P30 Pro. Se quindi avete questo telefono – ancora di più a vostro rischio e pericolo, trattandosi di una fonte non ufficialepotete già provarla. Qui trovate una guida dettagliata.

LEGGI ANCHE: Tutti i rumor su Pixel 4, in breve Continue reading

Xiaomi aggiornerà ad Android Q ben 11 smartphone entro il 2019, ma (quasi) solo top di gamma (aggiornato)

Da ormai un anno e mezzo, Xiaomi ha abbandonato la sua dimensione di produttore locale cinese, per puntare a diventare un colosso su scala globale. Fra i necessari cambi di rotta che la novità ha comportato, annoveriamo una maggiore attenzione verso l’avanzamento di versione di Android per i suoi smartphone. Se infatti in Cina gli utenti si curano ben poco della linea dettata da Google, in India e in Occidente la musica è ben diversa. Ed ecco dunque che, in vista del rilascio stabile di Android Q, Xiaomi non ha intenzione di sfigurare al confronto con gli altri produttori e ha già annunciato quali modelli verranno aggiornati quasi nell’immediato.

LEGGI ANCHE: L’Amazon Prime Day 2019 sta arrivando Continue reading

Android Q: la riconnessione automatica alle reti Wi-Fi sarà più intelligente e non vi farà più impazzire

A tutti sarà capitato almeno una volta di provare a connettervi ad una rete Wi-Fi nei paraggi con il vostro dispositivo Android, scoprendo subito dopo che quella rete non era abilitata allo scambio di dati, oppure troppo lenta e instabile. Da quel momento, vi sarete trovati ad ingaggiare una lotta serrata con il vostro smartphone, che avrà tentato all’infinito di riconnettersi alla prima rete, mentre voi desideravate soltanto connettervi ad un’altra, costringendovi alla fine ad imporgli di dimenticare definitivamente l’accesso a quella rete. Ebbene, tutte queste noie saranno soltanto un brutto ricordo, a partire da Android Q.

La gestione del Wi-Fi subirà infatti una piccola ma importante modifica in Android Q: una volta che vi disconnetterete manualmente da una rete Wi-Fi, il vostro smartphone includerà quella rete in una black list per le successive 24 ore, evitando di tentare di riconnettersi automaticamente e dunque scongiurando le seccature che abbiamo descritto in precedenza. Continue reading

L’ultima beta di Android Q nasconde una nuova funzione che suonerà molto familiare ai fan di Samsung

Nei giorni scorsi, Google ha iniziato il rilascio (poi fermato, a causa di problemi di bootloop) di Android Q Beta 4, nuova tappa di avvicinamento verso la release stabile della nuova versione del robottino verde. Le novità rispetto alla Beta 3 non sono moltissime – ve le abbiamo riassunte tutte qui – ma, scavando un po’, si trova sempre qualcosa di nuovo da scoprire. E questa volta risponde al nome di Screen Attention.

Si tratta del nuovo nome, probabilmente definitivo, di una funzione precedentemente chiamata Adaptive Sleep e avvistata nelle precedenti beta di Android Q. Screen Attention svolge un compito tanto semplice, quanto utile in molte circostanze: capire quando l’utente sta consultando il display del suo smartphone, evitando che il display si spenga sotto i suoi occhi, a prescindere dal tempo di spegnimento automatico impostato. Continue reading