Modding

LineageOS 16 per nuovi smartphone Oppo e Lenovo, per NVIDIA Shield Tablet arriva LineageOS 15.1

Da ormai più di un mese è arrivata l’ufficialità per LineageOS 16, la versione della celebre custom ROM basata su Android Pie, che pian piano allarga il suo supporto ai diversi smartphone Android presenti sul mercato.

Oggi è il turno di diversi dispositivi Oppo, qualche Wileyfox ed un Lenovo. Di seguito ve li elenchiamo tutti, con i relativi link di download: (altro…)

Le nuova versione di TWRP è più comoda e semplice da usare

TWRP (sigla che sta per Team Win Recovery Project) è una recovery alternativa open source per i dispositivi Android: se non siete smanettoni tutto questo vi dice poco, vi basti sapere che è in pratica l’anticamera all’installazione di ogni firmware di terze parti.

Non è l’unica opzione in quanto a recovery alternative ma è sicuramente la più nota, ed ha recentemente rilasciato la sua nuova versione 3.3.0, con alcune interessanti novità. Quella principale riguarda gli smartphone che supportano i seamless update, in cui d’ora in avanti sarà più facile che mai installare la recovery, grazie ad una nuova voce nel menù – install recovery ramdisk – che consentirà all’utente di completare il processo di installazione senza file ZIP aggiuntivi. Prima erano necessario avviare temporaneamente la recovery per far partire lo script d’installazione. (altro…)

Ora potete far girare Windows 10 sul vostro OnePlus 6T e giocare a “Call of Duty: Modern Warfare 2” (video)

Qualcomm realizza da tempo processori per laptop ultraleggeri equipaggiati con Windows 10, ma è solo grazie al recente arrivo di una versione del sistema operativo compatibile con chip ARM che si sono aperte le porte ai porting su SoC Snapdragon. In altre parole, questo fa sì che ora sia possibile far girare Windows 10 anche su smartphone.

Qualche giorno fa l’utente NTAuthor su Twitter ha postato una demo del programma su Pixel 3 XL, mentre oggi sono apparsi i primi video che testimoniano lo sbarco anche su OnePlus 6T. Stando a quanto si vede il touchscreen funziona correttamente e molte applicazioni – tra cui anche il browser Chromesembrano non avere alcun problema. (altro…)

Android Pie su Xiaomi Redmi Note 4? Guardate come gira bene grazie alla ROM Pixel Experience (foto)

Xiaomi Redmi Note 4 fa parte di quella categoria di smartphone non così comuni che a distanza di anni riesce ancora a dire la sua. Come in questo caso, gran parte del merito va dato agli sviluppatori di custom ROM che riescono a portare le ultime versioni di Android su smartphone relativamente datati.

Il Redmi Note 4 fu presentato alla fine del 2016 con a bordo Android Marshmallow ed ora può provare l’ebrezza di far girare Android Pie grazie alla ROM Pixel Experience, della quale il manteiner è Aryan Kedare. Nella galleria in basso potete avere una panoramica dell’interfaccia utente: è molto simile ad Android stock visto sui Pixel e molto lontana dalle linee della MIUI, troviamo il supporto ai temi chiaro e scuro e le classiche personalizzazione per attivare lo schermo con doppio tocco e l’Ambient Display. (altro…)

Con Magisk (root) il pulsante per Google Assistant di Xiaomi Mi9 può essere personalizzato (foto)

C’è un numero crescente di smartphone che hanno nel loro hardware un pulsante aggiuntivo, che ha lo scopo di chiamare un’assistente personale. Il caso più famoso è quello di Samsung che ormai da diversi anni aggiunge ad alcuni dei suoi smartphone (top di gamma compresi) un pulsante per richiamare Bixby.

La stessa Xiaomi, nel suo Mi9, ha aggiunto un pulsante fisico per attivare Google Assistant in modo più agevole. Spesso però queste funzionalità ricoprono solo una parte marginale nell’utilizzo di tutti i giorni di uno smartphone, e gli utenti chiedono a gran voce la possibilità di personalizzare le azioni associate. (altro…)

Permessi di root con una prima Magisk Canary sui nuovi Galaxy S10: ecco come fare

Samsung ha presentato i suoi ultimi top di gamma nemmeno due mesi fa ed oggi emerge su XDA la notizia che tutti gli appassionati di modding e possessori di questi device stavano aspettando: è possibile ottenere i permessi di root su Galaxy S10, S10+ ed S10e.

Naturalmente questo è possibile grazie alla possibilità di installare sui dispositivi di Samsung una prima versione di Magisk, il noto tool per acquisire i permessi di root sui device Android, denominata per l’appunto Canary. Il creatore di Magisk topjohnwu ha cercato di rendere il più comprensibile possibile la guida, la quale include dei passaggi non semplici, soprattutto per chi si cimenta per la prima volta in queste pratiche. (altro…)

Ora potete provare la GSI ufficiale di Android Q su qualsiasi dispositivo con Project Treble (e bootloader sbloccato)

Google ha rilasciato la seconda beta di Android Q giusto ieri. Mentre però la versione pubblicata supporta solo le tre generazioni di Pixel, oggi BigG ha lanciato una GSI compatibile con qualsiasi dispositivo con Project Treble. Per la precisione questo vuol dire che tutti i telefoni commercializzati con Android Pie – e quindi con Project Treble – possono flashare l’immagine generica dell’ultima versione del robottino verde.

Chiariamo che c’è anche un secondo requisito che è aver sbloccato il bootloader. Ovviamente trattandosi di una GSI non è detto che tutti i componenti hardware del vostro telefono vengano riconosciuti, come per esempio il lettore di impronte integrato nel display (ma su questo leggete il prossimo paragrafo). Inoltre tutte le app che si affidano alle API SafeNet Attestation per verificare che il dispositivo non è stato manomesso non funzioneranno. Infine tenete presente che trattandosi di una versione beta tutti i bug notati finora sui Pixel saranno poi presenti anche sul vostro telefono. (altro…)

Troppo doloroso lasciare Inbox? Ecco il modo per continuare ad usarlo (foto) (aggiornato: metodo senza root)

Inbox per Gmail è giunto al suo tramonto definitivo, Google ne ha annunciato la chiusura diverso tempo fa ma è da oggi, 2 aprile, che l’app chiude definitivamente i battenti. Nonostante questo, molti utenti vorrebbero continuare ad usarla.

Alcune delle più apprezzate ed utili funzionalità di Inbox sono state trasferite ed implementate in Gmail: il motivo per cui molti non si decidono a lasciare Inbox è che di molte altre funzionalità ancora non vi è traccia in Gmail. Per questo da XDA arriva un metodo interessante per usare Inbox anche dopo la sua chiusura definitiva. (altro…)

È arrivata la beta pubblica di Magisk 19 con supporto nativo a 64-bit e Android Q

John Wu è noto per aver creato Magisk, il più diffuso ed apprezzato strumento per la gestione dei permessi di root e tanto altro. Poco fa lo sviluppatore taiwanese ha annunciato tramite il suo account Twitter che la beta pubblica di Magisk 19.0 è stata rilasciata, per sua diretta ammissione una delle più ambiziose finora. Tra le novità l’ultima versione comprende anche il supporto ad Android Q (a conclusione di un’ardua sfida di cui vi abbiamo parlato qui).

Tre le altre novità c’è il ritorno del supporto nativo per i sistemi a 64-bit, la nuova gestione dei moduli chiamata Imageless Magisk e soprattutto un nuovo Magisk Module installer. Quest’ultimo cambiamento in particolare implica la transizione forzata dal precedente sistema, che è stato rimpiazzato e cesserà di funzionare. (altro…)

Android Pie su LG G2? Tutto vero grazie a LineageOS!

Gli utenti più fedeli del mondo Android ricorderanno, forse con un pizzico di nostalgia, LG G2, lo smartphone dell’azienda sudcoreana lanciato nel lontano 2013 che fu innovativo in termini di design per quel periodo tecnologico.

Incredibilmente i possessori di questo device possono provare l’ultima versione stabile di Android rilasciata, grazie ovviamente al mondo del modding ed in particolare al team di LineageOS che ha esteso la compatibilità della versione 16, quella basata su Android Pie, per LG G2. (altro…)

Torna all'inizio