google

YouTube Music si aggiorna e si appresta a diventare il player musicale predefinito in Android (foto)

Con il rilascio avvenuto ieri, YouTube Music ha raggiunto la versione 2.65. Mentre il changelog è piuttosto avaro di novità i colleghi di 9to5Google hanno analizzato il codice dell’app portando alla luce i lavori in corso su alcune funzionalità. In particolare continua lo sviluppo delle caratteristiche che ancora mancano per colmare il gap con Google Play Music, operazione cruciale prima che YouTube Music possa prenderne il posto in tutto e per tutto.

Ora sappiamo che l’app presto sarà in grado di riprodurre musica presente nella memoria del dispositivo stesso e che l’eliminazione di una traccia corrisponderà alla sua eliminazione definitiva dal device. A ulteriore conferma che YouTube Music si sta avviando a diventare il player musicale predefinito in Android sono apparse due nuove icone che suggeriscono il fatto che l’app possa essere addirittura preinstallata insieme al sistema. (altro…)

Play Store: introdotta una nuova barra che indica l’utilizzo della memoria

L’applicazione Play Store si aggiorna introducendo una nuova funzione in grado di mostrare la percentuale di spazio occupato dalle applicazioni installate.

(...)
Continua a leggere Play Store: introdotta una nuova barra che indica l’utilizzo della memoria su Androidiani.Com


(altro…)

Android Auto 3.9 migliora la visibilità delle app attive (foto e APK download)

In aggiunta alla notizia dell’arrivo del supporto ai podcast, gli utenti di Android Auto possono leggere di un’altra novità che li riguarda direttamente che, per quanto minore, potrebbe rendergli più semplice la vita. La versione 3.9 in corso di diffusione in queste ore sta portando un piccolo cambiamento al modo in cui vengono visualizzate le app in uso.

In altre parole, come potete vedere dalle immagini di confronto presenti più in basso nella galleria, finora riconoscere quali applicazioni erano attive non era esattamente immediato: dallo schermo del veicolo si poteva distinguere un colore di sfondo più scuro rispetto alle altre, ma da smartphone la differenza era davvero impercettibile. (altro…)

Ora potete usare i DNS pubblici di Google anche sul vostro smartphone/tablet (se aggiornato ad Android Pie)

Google ha annunciato di aver implementato il protocollo di sicurezza DNS-over-TLS (anche noto come DoT) per il suo servizio di DNS insieme alle raccomandazioni RFC 7766 e al supporto al TLS 1.3. Tuttavia se non siete esperti di reti informatiche la cosa potrà suonarvi un tantino astrusa. Il punto è che i DNS (Domain Name System) sono quella componente che permette di convertire il nome di un sito in un indirizzo IP e permette quindi di “risolvere” i nomi inseriti nella barra degli indirizzi in qualcosa di comprensibile a livello macchina.

La maggior parte delle persone usa il servizio fornito dal proprio operatore telefonico, ma è utile sapere esistono in circolazione diverse altre alternative. Tra queste c’è il servizio offerto da Google, il più grande del mondo detto per inciso, che da oggi ha implementato un ulteriore livello di sicurezza che rende molto difficile spiare la vostra navigazione. (altro…)

Google sta finalmente introducendo il supporto ai podcast su Android Auto (foto e APK download)

Quando Google ha rilasciato un’app dedicata specificamente alla gestione dei podcast diversi hanno notato quanto fosse spartana. Tra le varie funzioni assenti all’appello dei desiderata infatti c’erano il download automatico, il supporto al casting e l’integrazione con Android Auto. Mentre per le altre ci sarà ancora da aspettare, almeno per quest’ultima l’attesa dovrebbe essere finita.

L’ultima versione dell’app Google, ossia la 8.91, infatti sembra portare in dote il supporto ai podcast anche in Android Auto. Al momento in realtà non è chiaro se la novità derivi dall’aggiornamento o da uno switch lato server. In ogni caso scaricando l’ultima versione dell’app Google dovreste essere in grado di accedere alla nuova interfaccia che comprende la voce “podcast” tra le fonti audio. (altro…)

Scovate 85 app “truffaldine” sul Play Store , coinvolti almeno 9 milioni di utenti

Ormai notizie di questo tipo rischiano di non fare più notizia. Come capita purtroppo sempre più frequentemente un’azienda che si occupa di sicurezza informatica ha annunciato di aver scoperto ben 85 applicazioni che attuavano un comportamento fraudolento. Attraverso un uso massiccio e invasivo di annunci pubblicitari infatti incassavano denaro alle spalle di utenti inconsapevoli, semplicemente seccati da quelle che erano praticamente pubblicità sotto forma di app.

In totale gli utenti interessati sono circa 9 milioni, più della metà coinvolti tramite l’app “Easy Universal TV Remote“, ma nel novero ci sono anche altre utility e giochi. Tutti hanno una matrice comune e in alcuni casi anche nomi simili. Essenzialmente ad ogni tocco o interazione le app in questione mostrano un annuncio a tutto schermo, in background o addirittura nascosto, che genera un guadagno per gli sviluppatori. (altro…)

Presto potrete saltare i video pubblicitari su Chrome anche in modalità Picture-in-Picture (foto)

La modalità Picture-in-Picture si sta pian piano diffondendo sui diversi servizi Google per Android ed uno di questi è proprio Chrome. Presto un’importante funzionalità verrà integrata per questa modalità, ovvero la possibilità di saltare i video pubblicitari.

Questa feature è, chiaramente, da tempo implementata in Google Chrome ma è ancora assente quando si visualizzano video nella modalità Picture-in-Picture. Come vedete dall’esempio riportato nella galleria in basso, questa funzionalità è in fase di sviluppo, testimoniato dalle tracce lasciate sul Chromium Gerrit. (altro…)

Novità Assistente Google: interprete in 27 lingue, su Google Maps e valanga di dispositivi inediti

Hey Google! Se vi trovate spesso ad esclamare questa frase, sappiate che le tante novità in arrivo dal CES 2019 per l’Assistente di BigG stuzzicheranno sicuramente la vostra curiosità. Tra dispositivi inediti, per casa ed auto, e funzioni per una vita digitale sempre più smart, le cose da sapere sono davvero tante.

Le abbiamo raccolte nei paragrafi qua sotto, anche se purtroppo la maggior parte delle novità riguardano, per ora, solo il mercato USA. Si tratterà solo di pazientare qualche mese. (altro…)

Tutte le app SMS potranno utilizzare il protocollo RCS grazie ad Android Q

I lavori sul supporto RCS da parte di Google si stanno rivelando più interessanti del previsto. Con l’avvento di Android Q la società californiana aggiungerà parecchie novità a riguardo, con nuove API che potrebbero garantire il supporto alla tecnologia RCS anche per le app SMS di terze parti.

In questo modo sarà possibile utilizzare le funzionalità dello standard RCS non solo su Messaggi – l’app predefinitiva per gli SMS su Pixel e altri dispositivi Android – ma anche su tantissime altre app, che andranno a sfruttare proprio le nuove API fornite da Google per interfacciarsi con questa tecnologia in maniera sicura ed efficiente. (altro…)

Google Pixel: in distribuzione le patch di gennaio 2019

Google ha avviato la distribuzione delle più recenti patch di sicurezza relative al mese di gennaio 2019 per gli smartphone della famiglia Pixel: Pixel, Pixel XL, Pixel 2, Pixel 2 XL, Pixel 3 e Pixel 3 XL

(...)
Continua a leggere Google Pixel: in distribuzione le patch di gennaio 2019 su Androidiani.Com


(altro…)
Torna all'inizio