google

App Google 8.13: Assistant potrebbe parlare con la voce di John Legend, nuove opzioni per Famiglie e altro (foto)

Google ha nuovamente aggiornato la sua omonima app per Android, la quale giunge alla versione 8.13 e, seppur non ottenendo particolari novità di rilevanza, integra numerosi suggerimenti sulle funzionalità in fase di sviluppo.

La prima di queste riguarda un presunto nuovo tipo di voce per Google Assistant: BigG starebbe lavorando ad un nuovo tipo di voce associato al colore cameo, il quale potrebbe corrispondere alla voce dell’artista John Legend. Come vi abbiamo descritto qualche giorno fa, Google associa un colore ad ogni tipo di voce disponibile per Assistant. Inoltre, vi riportiamo che il widget “At a glance“, lanciato sui dispositivi Pixel, è uscito dal canale beta dell’app per essere integrato anche in quello stabile. (altro…)

Su YouTube iniziano a far capolino i ‘Video consigliati per te’: li vedete anche voi?

La fucina di novità software per app e servizi Google non riposa mai, ma anzi continua a sperimentare accorgimenti per mantenere sempre alto l’interesse degli utenti. Uno degli ultimi riguarda l’app Android di YouTube, su cui ha iniziato ad apparire una nuova sezione dedicata ai Video consigliati per te.

L’area contenente quattro video consigliati in base alla cronologia di ciascun utente appare in alcuni casi subito sotto al video in quel momento in riproduzione, oppure appena sopra lo spazio destinato ai commenti di quel video. Nulla di particolarmente nuovo, in quanto da sempre YouTube consiglia video cuciti su misura per voi, per prolungare la vostra sessione. (altro…)

Google, Facebook, Microsoft e Twitter uniscono le loro forze in favore della portabilità dei dati

La portabilità dei dati è un concetto molto importante, soprattutto per gli utenti che utilizzano diversi servizi cloud tra i tanti disponibili. Quattro tra i colossi più importanti nell’industria tecnologica hanno deciso di unire i loro sforzi per sviluppare uno strumento che centralizzi la portabilità dei dati tra le tante piattaforme cloud esistenti.

Il progetto si chiama Data Transfer Project ed è un’iniziativa open source di Google, Microsoft, Facebook e Twitter. L’obiettivo di questo strumento è facilitare l’interscambio di dati tra i diversi fornitori di servizi in quest’ambito, evitando il download dei dati stessi in locale per poi trasferirli al secondo servizio cloud. Lo strumento idealizzato dalle quattro aziende si baserebbe su diversi punti fondamentali: (altro…)

La nuova grafica in test sul Play Store mette gli screenshot nei risultati di ricerca

Ancora piccole novità grafiche in test sul Play Store, questa volta per la sezione ricerca. Alcuni utenti hanno segnalato la comparsa di card più estese quando si cercano le app sullo store, nelle quali sono inserite molte più informazioni ed immagini rispetto all’interfaccia tradizionale.

Com’è possibile vedere nell’immagine a fine articolo, la nuova grafica di ricerca propone schede separate per ogni app, con dati per quanto riguarda la valutazione PEGI, il numero e la media delle recensioni, i download totali e addirittura gli screenshot delle app, in modo da dare subito uno sguardo alle funzionalità. (altro…)

Google ha rimosso una funzionalità molto utile di YouTube per Android, ve ne siete accorti? (foto)

Sembra che Google, mediante uno degli ultimi aggiornamenti rilasciati, abbia rimosso una funzionalità molto utile di YouTube per Android senza un apparente motivo e spiegazione. Essa si riferisce alla modalità di avanzamento dei video ospitati sulla nota piattaforma di streaming e crediamo (soprattutto speriamo) che sia stata rimossa per errore.

In particolare, stiamo parlando della possibilità di tappare in un punto qualsiasi della barra temporale relativa al video per far avanzare, o arretrare, la riproduzione dello stesso. Con la versione 13.27.54 dell’app sembra che per gestire la riproduzione sia necessario trascinare il puntino rosso indicante l’avanzamento in tempo reale, come potete vedere anche dall’esempio riportato in galleria. (altro…)

Google Fuchsia pigliatutto: rimpiazzerà Android e Chrome OS entro un lustro. Parola di Bloomberg.

Un nuovo report di Bloomberg dà vigore alle voci mai sopite che Google Fuchsia sia un sistema operativo “totipotente“, destinato a rimpiazzare praticamente tutti gli altri dell’azienda. Secondo le fonti confidenziali di Bloomberg, che sarebbero a conoscenza dei piani di Google, Fuchsia dovrebbe essere ubiquo: dagli smartphone Pixel agli smart speaker, per non parlare di tutti gli altri dispositivi, anche di terze parti, che ora si affidano ad Android o Chrome OS.

La timeline per il suo avvento (ma sono dato che potrebbe molto facilmente cambiare) è di 3 anni per i dispositivi domestici (smart speaker in testa); da lì Fuchsia si sposterà anche ai laptop, sostituendo quindi Chrome OS, e nel giro di 5 anni potrebbe prendere il posto di Android. (altro…)

Adesso YouTube mostra gli hashtag direttamente sopra il titolo del video su mobile e desktop (foto)

A quanto pare non c’è fine al dilagare degli hashtag. Dopo aver invaso praticamente tutti i social network ora sono arrivati anche su YouTube – che continua a espandere le sue funzioni social. Non sappiamo dire con precisione quando hanno iniziato ad apparire, ma è evidente che la nuova modalità di visualizzazione è stata implementata tanto nella versione mobile quanto in quella da desktop.

LEGGI ANCHE: YouTube Music integra controlli specifici per offline (altro…)

Adesso YouTube mostra gli hashtag direttamente sopra il titolo del video su mobile e desktop (foto)

A quanto pare non c’è fine al dilagare degli hashtag. Dopo aver invaso praticamente tutti i social network ora sono arrivati anche su YouTube – che continua a espandere le sue funzioni social. Non sappiamo dire con precisione quando hanno iniziato ad apparire, ma è evidente che la nuova modalità di visualizzazione è stata implementata tanto nella versione mobile quanto in quella da desktop.

LEGGI ANCHE: YouTube Music integra controlli specifici per offline (altro…)

Non siete stati hackerati: è Google che sta cambiando la sua pagina di login! (foto)

Se vi fosse capitato di notare delle differenze nella pagina di login al vostro account Google, non vi preoccupate: non siete stati hackerati né siete vittime di phishing; a patto che le differenze corrispondano a quelle illustrate qui sotto.

È infatti in diffusione una nuova pagina di login abbastanza simile alla precedente, ma con alcuni elementi riposizionati, in particolare il logo di Google che adesso è centrato. Si tratta però solo di un passaggio intermedio verso una nuova grafica che sottolineerà in modo più evidente qual è il campo di testo attivo in un dato momento. (altro…)

“Android ha creato più scelta, non il contrario”: la replica di Google alla maxi-multa UE

L’Unione Europa ha approvato una multa record ai danni di Google per abuso di posizione dominante con Android. 4,3 miliardi di euro, ovvero 5 miliardi di dollari. A tanto ammonta la stangata per violazione delle norme antitrust dell’UE.

Dal 2011 Google impone ai produttori di dispositivi Android e agli operatori di reti mobili restrizioni illegali volte a consolidare la propria posizione dominante nel comparto delle ricerche generiche su Internet.” Tali pratiche hanno negato ai concorrenti “la possibilità di innovare e di competere in base ai propri meriti ed hanno negato ai consumatori europei i vantaggi di una concorrenza effettiva nell’importante comparto dei dispositivi mobili. Ai sensi delle norme antitrust dell’UE, si tratta di una condotta illegale”, ha chiarito la Commissione Europea. (altro…)

Torna all'inizio