chrome os

I prossimi miglioramenti di Chrome OS aumenteranno l’amore per Linux e Android

Google è costantemente al lavoro su Chrome OS per migliorarne non solo le funzionalità, ma anche l’appetibilità verso il pubblico. Al Google I/O di quest’anno sono state rivelate alcune delle novità in arrivo per il sistema operativo PC di Google.

Innanzitutto si parte con il file sharing: ora è possibile semplicemente trascinare i file nel file manager per spostare i file attraverso Chrome OS, Android, Google Drive e Linux. Parlando sempre di Linux, sono state fatte delle migliorie per il port forwarding per connettersi più semplicemente ai servizi su container Linux. (altro…)

Google I/O: nuove sessioni per Android Q e Chrome OS

Il Google I/O 2019 è ormai alle porte e il suo programma prende sempre più forma. Alle sessioni descritte qualche giorno fa se ne sono sono aggiunte altre più specifiche e interessanti su Chrome OS e il nuovo Android Q.

(...)
Continua a leggere Google I/O: nuove sessioni per Android Q e Chrome OS su Androidiani.Com (altro…)

Apple Music festeggia 40 milioni di installazioni su Android con il supporto ufficiale ai Chromebook (foto)

Apple Music per Android ha ricevuto un aggiornamento che introduce un paio di novità di rilievo: il supporto ufficiale per i Chromebook e una nuova funzione “sfoglia”. Partendo da quest’ultima, si tratta di una ristrutturazione della sezione che permette di scoprire più facilmente nuova musica e playlist. La novità ha già raggiunto la versione su iOS da qualche tempo, semplificando l’interazione e rendendo più intuitiva l’interfaccia.

Allo stesso tempo come dicevamo in apertura è finalmente arrivato anche il supporto ufficiale per i Chromebook. Questo significa che ora Apple Music è accessibile anche da Chrome OS, una novità che espande ancora di più il potenziale bacino di utenti dell’app. (altro…)

App Android su Chrome OS senza Play Store e modalità sviluppatore? C’è un barlume di speranza

Uno dei grandi limiti di Chrome OS è che non è possibile installare app Android se non tramite il Play Store o tramite modalità sviluppatore. Sostanzialmente non è possibile installare apk da “sorgenti sconosciute” (come vengono definite su Android), ma le cose potrebbero cambiare a breve.

Infatti uno sviluppatore dietro a Chromium ha rivelato in un commento che la possibilità di installare app  Android senza particolari limiti potrebbe essere sbloccata con la versione 74 o 75 di Chrome, in rilascio tra aprile e giugno. (altro…)

Chrome OS 73 ora supporta l’Instant Tethering anche con dispositivi non Pixel: ecco come (foto)

Vi abbiamo già parlato della funzionalità detta Instant Tethering, la quale permette la condivisione della connessione internet tra dispositivi Pixel e Chromebook in modo molto semplificato e mirato. Oggi sembra che sia possibile usarla anche con device non Pixel.

Questa possibilità si è concretizzata con la versione 73 di Chrome OS, mediante un apposita procedura: (altro…)

Google Assistant potrebbe arrivare su tutti i Chromebook nelle prossime settimane (foto)

Google Assistant non va ancora molto d’accordo con Chrome OS, visto che il supporto all’assistente vocale di Google risulta tuttora mancante su molti Chromebook. Tale situazione potrebbero, però, cambiare molto presto, come indicano nuovi indizi trovate nelle versioni di sviluppo del sistema.

Un nuovo flag aggiunto nella versione Canary del progetto Chrome OS porta il nome “Enable Google Assistant“. Si tratta di un’etichetta esplicita, che non ha bisogno di molte spiegazioni se non quella fornita dagli stessi sviluppatori: il flag “abilita una versione sperimentale dell’implementazione di Assistant che funzionerà su tutti i Chromebook“. (altro…)

Messaggi (Android) diventa una Web App desktop per Chrome OS e Windows 10 (foto)

Google ha ancora qualche novità nel cilindro per la sua app Messaggi, che recentemente ha perso il la seconda parte del nome – prima si chiamava Messaggi Android – ma ha guadagnato una nuova grafica e alcune importanti funzionalità avanzate. Tra queste c’è anche un client desktop nuovo di zecca, in grado di diventare una vera e propria Web App sui sistemi Chrome OS e Windows 10 (tramite il browser Chrome).

Questo perché Google ha trasformato il sito del client desktop in una Progressive Web App, che può essere installata nel drawer di Android o Chrome OS, così come nel menu Start di Windows 10, come se si trattasse di una vera app nativa. (altro…)

L’app di Dropbox per Android aggiunge qualche chicca esclusiva… per ChromeOS

Il nuovo aggiornamento dell’app di Dropbox, arrivato da poco sul Play Store, non farà contenti solo gli utenti Android ma anche e soprattutto quelli ChromeOS. A partire da questa versione, il noto servizio di cloud storage ha integrato il supporto completo al sistema per computer di Google, sfruttando la compatibilità di quest’ultimo con le app Android.

Grazie a questa nuova funzionalità, l’app di Dropbox per Android acquisisce nuove funzionalità dedicate esclusivamente a ChromeOS, in particolare la navigazione da tastiera e i nuovi menu di scelta rapida. (altro…)

FydeOS è il fork di Chrome OS che punta tutto sulle app Android (foto)

FydeOS è il nome di un nuovo fork di Chrome OS, in sviluppo negli ultimi mesi per il mercato cinese. La sua particolarità principale è l’integrazione della libreria ARC++ (Android Runtime for Chrome), che permette di avere il supporto diretto alle app Android.

Si tratta, dunque, di un progetto leggermente diverso da altri fork lanciati attualmente perché punta molto di più sulla parte dedicata alle app Android. Gli utenti cinesi solitamente non hanno accesso al Play Store ed ai servizi Google, ma tramite questo sistema possono installare direttamente le app Android sul proprio PC ed utilizzarle in maniera molto semplice. (altro…)

Anche il Pixel 2 in 1 con Chrome OS si mostra in render approfonditi, stylus e tastiera comprese

Il 9 ottobre è ormai alle porte, giorno in cui Google svelerà al mondo la sua nuova serie di dispositivi. Non ci saranno soltanto gli anticipatissimi smartphone Pixel 3, ma anche altre sorprese, che non hanno alcuna intenzione di passare per comprimari. Fra queste, Pixel Slate, ovvero il nuovo tablet 2 in 1 equipaggiato con Chrome OS.

Se dunque quest’anno potremmo non vedere un nuovo Pixelbook, Slate punta a non farne rimpiangere l’assenza. E oggi, grazie ad una serie di render trapelati, possiamo conoscere qualcosa in più sul suo conto. Il tablet in sé mostra linee piuttosto classiche, con cornici attorno al display non così ridotte. Slate sarà poi accompagnato da accessori pressoché indispensabili per sfruttare pienamente le sue potenzialità – anche se, per ora, non è chiaro se saranno venduti a parte o inclusi in dotazione. (altro…)

Torna all'inizio