App

Google ARCore 1.7: tante novità per gli sviluppatori, arriva anche la nuova app Elements (foto)

Google ha rilasciato alcune novità per ARCore, la sua piattaforma dedicata alla realtà aumentata, riservate particolarmente agli sviluppatori e tra le quali figura anche una nuova app.

Le novità consistono in una nuova versione delle API Augmented Faces: nella galleria in basso potete osservare l’animazione che riassume le potenzialità delle nuove API, le quali permetterebbero di applicare delle maschere, occhiali, parrucche al viso dei soggetti in tempo reale. Le novità sarebbero utilizzabili con Unity e Sceneform, ma non mediante la fotocamera frontale, al momento. (altro…)

L’app Google si aggiorna: arriva la nuova barra in Material Design, novità per le Raccolte e non solo (foto)

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento per la sua omonima app, in particolare del suo canale beta. La nuova versione fa riferimento alla build 9.27 ed introduce alcuni rinnovamenti grafici per l’interfaccia e nuove funzionalità.

Potete osservare nelle prime immagini riportate in galleria una delle novità più evidenti: si tratta della nuova barra inferiore ridisegnata secondo il nuovo Material Design (propriamente detto Material Theme). Inoltre, sono state ridisegnate anche le impostazioni del profilo personale, accessibili mediante la scheda “Altro” della barra inferiore. L’altra novità riguarda le Raccolte: è stata aggiunta la possibilità di condividerle tramite un link pubblico. (altro…)

L’app Google si aggiorna: arriva la nuova barra in Material Design, novità per le Raccolte e non solo (foto)

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento per la sua omonima app, in particolare del suo canale beta. La nuova versione fa riferimento alla build 9.27 ed introduce alcuni rinnovamenti grafici per l’interfaccia e nuove funzionalità.

Potete osservare nelle prime immagini riportate in galleria una delle novità più evidenti: si tratta della nuova barra inferiore ridisegnata secondo il nuovo Material Design (propriamente detto Material Theme). Inoltre, sono state ridisegnate anche le impostazioni del profilo personale, accessibili mediante la scheda “Altro” della barra inferiore. L’altra novità riguarda le Raccolte: è stata aggiunta la possibilità di condividerle tramite un link pubblico. (altro…)

Sensor Charts è una ottima app per tenere traccia dei dati dei vostri sensori… Sempre che non crashi (video)

Volete sapere per quanto tempo, in un mese, la vostra batteria è stata sopra il 70%? O quanta RAM libera avevate ieri alle 17? C’è un’app che fa per voi, e si chiama Sensor Charts.

Sensor Charts è un’app gratuita (non abbiamo trovato nemmeno acquisti in-app), molto leggera (appena 2,8 MB) e che fa una cosa molto semplice: prende i dati dai sensori del vostro smartphone e li raggruppa per creare grafici vari consultabili in piena libertà. La lista dei sensori supportati la trovate in fondo all’articolo. (altro…)

Google vuole che le app preinstallate si aggiornino tramite il Play Store anche senza login

Comprate un nuovo telefono, lo avviate e fate il login con il vostro account Google. Tutto ok, potete usare il telefono senza problemi. Ma se decidete di saltare il login, cosa succede? Molte delle app (Play Store compreso) non funzionano. Non perché ci sia qualche limite dato dall’account, ma perché, magari, è necessaria l’ultima versione per funzionare. E come aggiornare le app senza Play Store?

Google vuole rimuovere questo problema: ha inviato una email agli sviluppatori di app preinstallate sui dispositivi nella quale comunica che “nei prossimi mesi” verrà testata una funzionalità che permette l’aggiornamento delle app preinstallate senza dover obbligatoriamente fare il login. (altro…)

WhatsApp mette un freno a bufale e catene di Sant’Antonio: limite di 5 contatti per i messaggi inoltrati

Oggigiorno, le app di messaggistica istantanea sono diventate uno strumento insostituibile per tutti, sia in ambito lavorativo, sia soprattutto per rimanere in contatto in modo facile ed immediato con parenti, amici e conoscenti. Come per tutto però, esiste anche un rovescio della medaglia: specialmente WhatsApp è da tempo diventato campo fertile per la proliferazione di bufale, truffe, spam e fastidiose catene di Sant’Antonio. Una piaga che Mark Zuckerberg & co. stanno tentando di arginare e l’ultimo giro di vite in tal senso si spera possa essere più efficace delle contromisure passate.

WhatsApp infatti sta per abbassare ulteriormente il limite dei contatti a cui è possibile inoltrare uno stesso messaggio, rendendo dunque più difficile la vita ai creatori di fake news e truffe. Già la scorsa estate il limite era stato fissato a 20 contatti, un numero sicuramente ridotto rispetto a prima, ma evidentemente non così contenuto da debellare il fenomeno. Da ora invece il limite sarà di 5 contatti. (altro…)

A San Valentino mostrate tutto il vostro amore con il nuovo pacchetto di Playmoji per Google Pixel (foto)

San Valentino è arrivato, il giorno in cui universalmente si celebra il più forte dei sentimenti umani: l’amore. Anche il mondo della tecnologia ha omaggiato in molti modi la festa degli innamorati e non poteva mancare nemmeno Google, che per l’occasione ha pubblicato sul Play Store un nuovo pacchetto di Playmoji per i possessori di smartphone Pixel.

Il pacchetto è dedicato infatti a Playground, la modalità di realtà aumentata dei Google Pixel che appunto supporta l’installazione di diversi pacchetti aggiuntivi, grazie ai quali ampliare la scelta e il divertimento. Grazie ai Playmoji a tema amoroso, il vostro Pixel trasformerà il mondo in un tripudio di baci e cuoricini. (altro…)

Ma Google sta davvero spostando in basso la barra di navigazione di Chrome stabile? (foto)

Poco fa ci siamo accorti che Chrome su uno dei nostri smartphone in redazione ha qualcosa di diverso dal solito. La classica barra degli indirizzi non contiene più l’indicatore relativo al numero di schede aperte e i tre puntini per accedere alle altre funzionalità del browser, ma è affiancata da una seconda barra – che potremmo definire di navigazione – contenente quei due dettagli, insieme ad altre tre scorciatoie, rispettivamente per ritornare alla homepage, condividere la pagina web e aprire la barra degli indirizzi per effettuare una ricerca o accedere ad un altro sito. Nulla di davvero nuovo, se non fosse che stiamo parlando di Chrome stabile.

Per la precisione, stiamo parlando della versione 72.0.3626.105 stabile di Google Chrome, mentre la barra di navigazione descritta è un elemento che Big G sta testando da molti mesi ormai, nell’alveo del progetto Chrome Duet (ex Duplex). Dato che nessun altro in redazione presenta questa novità, è molto probabile che si tratti di un semplice test casuale attivato lato server, anche se stupisce che sia spuntato su una versione stabile – senza l’abilitazione di alcun flag particolare. (altro…)

WhatsApp si prepara agli inviti per accedere ai gruppi chat: come funzioneranno (foto)

WhatsApp ha in mente di rendere più specifica la gestione dei gruppi di conversazione, introducendo la possibilità di negare l’aggiunta automatica degli utenti che non lo desiderano e introducendo il sistema ad inviti.

Le immagini riportate in galleria chiariscono il concetto che abbiamo espresso. Verrà introdotta nelle impostazioni del profilo personale una specifica sezione per gestire chi può aggiungervi ai gruppi chat: è possibile scegliere tra tutti, solo chi è in rubrica e nessuno. Negli ultimi due casi entra in gioco il sistema ad inviti: se chi vuole aggiungervi al gruppo non ne ha il permesso, vi invierà un invito per accedere al gruppo. (altro…)

Finalmente anche su PayPal scambiarsi denaro è gratis: arriva Free P2P

Un po’ in sordina, nelle ultime settimane PayPal ha introdotto una delle novità più importanti ed apprezzate degli ultimi tempi: sono state eliminate le commissioni sulle transazioni tra privati. Probabilmente spinta anche dalla concorrenza, che da tempo aveva già eliminato ogni forma di pagamento sull’invio di denaro tra privati, anche la società americana ha rivisto le sue policy, introducendo il cosiddetto Free P2P (Free People to People).

Fino a poco tempo fa, infatti, l’invio di denaro ad amici e familiari era gratis solo se i soldi venivano prelevati dal conto PayPal o da un conto corrente: al contrario, se l’addebito veniva eseguito su bancomato o carta prepagata, era prevista una piccola commissione. Tuttavia, negli ultimi tempi queste commissioni erano diventate particolarmente impopolari (e svantaggiose), anche considerando che servizi analoghi (come Google Pay e Apple Pay all’estero o Satispay in Italia) avevano già resto completamente gratuite le transazioni tra privati. (altro…)

Torna all'inizio