android oreo

Secondo AnTuTu, Pie è una delle versioni di Android più diffuse: ma sarà vero? (foto)

Google ha smesso da diversi mesi di comunicare i dati sulla distribuzione di Android, ma a colmare in parte la lacuna ci pensa ora AnTuTu, anche se non era esattamente quello il suo scopo.

Il noto benchmark ha infatti pubblicato un paio di giorni fa una serie di interessanti grafici a torta, che illustrano alcuni aspetti degli smartphone Android che lo utilizzano. Scopriamo così che tre utenti AnTuTu su quattro utilizzano un processore octa-core, che il 32% ha uno smartphone con 64GB ma quelli con uno da 128GB sono il 30%, quindi li tallonano da vicino. Il taglio di RAM più diffuso è quello da 6GB: circa un utente su tre, mentre gli 8GB sono appannaggio solo del 12%. (altro…)

Il successore di ASUS ZenFone L1 rimane nella fascia economica, ma esce dal programma Android One (foto)

Asus ha aggiunto da poco e senza darne annunci un nuovo smartphone alla sua offerta. Si tratta del successore di ZenFone L1 (di cui potete trovare la scheda a fine articolo) chiamato ZenFone Live (L2). A differenza del predecessore però non fa parte del programma Android One, ma si presenta con Android Oreo abbinato alla ZenUI 5.

Ad ogni modo ZenFone Live (L2) rimane fedele alla linea in quanto budget phone e come tale presenta delle caratteristiche tecniche non esattamente attraenti – nel 2019 – allo stesso tempo però dovrebbe garantire un prezzo facilmente accessibile, che però ancora non è stato rivelato. (altro…)

Vi siete mai chiesti com’è fatto uno smartphone senza Google e Chrome? Eccolo, è Wiko View 2 Pro Qwant

Una delle conseguenze della recente multa inflitta dall’Antitrust europea a Google è stata la creazione di diversi pacchetti di licenze che consentissero ai produttori di accedere al reame Android, con tutte le sue app, senza dover accettare anche il motore di ricerca di BigG e il suo browser Chrome.

Finora però nessuno aveva ancora intrapreso questa strada, vuoi perché in fin dei conti si tratta di applicazioni diffusissime tra gli utenti di tutto il mondo, vuoi perché il produttore è comunque tenuto a pagare per l’accesso al Play Store. (altro…)

Come regge il primo Google Pixel alle nuove versioni di Android? Ecco un test con 4 generazioni a confronto! (video)

Quando la prima beta di Android Q è stata pubblicata a inizio mese ha sorpreso diverse persone visto che Google ha compreso anche i primi Pixel tra i dispositivi supportati. Pixel e Pixel XL sono stati i primi della nuova generazione post-Nexus e sono stati lanciati nell’ormai lontano 2016. Smartphone di questa età iniziano di solito a mostrare più di un cedimento, per cui c’era parecchia curiosità quando Gary Explains ha pubblicato il suo video su YouTube.

Si tratta del più classico dei confronti: 4 generazioni di Android sullo stesso dispositivo, una accanto all’altra e vinca il più rapido! Per la precisione le versioni testate sono: Android Nougat 7.1.2 (con cui il telefono è stato commercializzato), Android Oreo 8.1, Android Pie 9.0 e Android Q beta. (altro…)

Possessori di uno Xiaomi Redmi Note 5 Pro l’attesa è finita: scaricate l’aggiornamento ad Android Pie (in beta)

Da quanto è stato lanciato all’inizio dello scorso anno Redmi Note 5 Pro è stato uno dei dispositivi Xiaomi tra i più venduti e che ha dato il suo contributo spingendo i numeri dell’azienda ai livelli certificati giusto la scorsa settimana. Il telefono però è stato commercializzato con MIUI 9.2 basata su Android Nougat 7.1.2. Lo scorso autunno poi è arrivato l’aggiornamento alla MIUI 10 con Android Oreo 8.1.

Da allora l’attesa di Android Pie 9.0 si è fatta spasmodica. Recentemente Xiaomi aveva pubblicamente cercato beta tester, segno che l’upgrade non doveva essere lontano. Ora finalmente vi possiamo dare la buona notizia: la prima versione beta del firmware è disponibile per il download. (altro…)

Sarà questo LG K12+? SoC MediaTek, 3 GB di RAM e Android Oreo (foto)

LG si starebbe preparando a lanciare un nuovo smartphone che dovrebbe andar a infoltire le fila della fascia medio-bassa, almeno stando alle specifiche appena trapelate online.

Lo smartphone si chiamerebbe LG K12+ e potete osservarne il presunto aspetto nell’immagine riportata nella galleria in basso: il design frontale appare abbastanza anonimo e simmetrico; le seconda immagine invece mostra una porzione della sua presunta scheda tecnica che annovera un SoC MediaTek MT6762, 3 GB di RAM ed un display con risoluzione 720 x 1.440 pixel. Il sistema operativo di lancio corrisponderebbe ad Android Oreo 8.1. (altro…)

Ecco tutti i TV Sony che riceveranno Android TV Oreo a partire dal 30 gennaio

Sony ha annunciato ufficialmente l’aggiornamento ad Android Oreo per il sistema di molti dei suoi Android TV, a partire dal prossimo 30 gennaio.

Di seguito vi elenchiamo i dispositivi della gamma 2016 che riceveranno l’update ad Oreo: (altro…)

Gli aggiornamenti di Android stanno davvero diventando più veloci? (foto)

Uno dei grandi mali storici di Android è rappresentato dalla questione della frammentazione, ossia dalla presenza di molti dispositivi non aggiornati all’ultima versione del sistema operativo, ma rimasti indietro per qualche motivo. Per chi vuole avere sempre l’ultima release di Android la scelta è semplice: optare per un Pixel. Scelta semplice ma costosa. Per quello che riguarda gli altri produttori invece storicamente nessuno può dirsi altrettanto affidabile (eccezion fatta per Essential che però ha prodotto un unico modello).

Se poi passiamo a considerare anche la diffusione delle patch di sicurezza la situazione si complica ulteriormente. Negli ultimi anni però Google e i produttori hanno compiuto parecchi sforzi per cercare di affrontare la questione, definendo esplicitamente la durata temporale del supporto software, ma soprattutto attraverso Project Treble e il programma Android One. (altro…)

La versione stabile Oreo 8.1 di Android x86 è ora tra noi

Android x86 è un progetto molto ambizioso che va avanti da anni e, per chi non lo conoscesse, vuole creare una versione di Android compatibile con computer Intel o AMD x86. Si capisce subito che il lavoro necessario per rendere il tutto funzionante è consistente, e dunque il progetto resta sempre “un po’ indietro” riguardo le release.

Dopo una prima beta lanciata a giugno, finalmente il team di sviluppo ha rilasciato la versione stabile basata su Android Oreo 8.1. Il kernel Linux utilizzato è in versione 4.19.15, e comprende le OpenGL ES 3.0 per l’accelerazione hardware su Intel, Nvidia e AMD. Inoltre, Vulkan è (parzialmente) supportato come “funzionalità sperimentale”. (altro…)

I nuovi Google Glass Enterprise Edition 2 appaiono in un benchmark e rivelano gran parte delle loro specifiche (foto)

Un paio di settimane fa vi avevamo riferito dell’apparizione di un nuovo modello dei Google Glass Enterprise Edition sul sito dell’ente certificatore statunitense FCC. Oggi i nuovi occhiali smart made by Google sono apparsi su Geekbench e con loro anche buona parte delle loro specifiche che vi possiamo quindi riportare di seguito.

Anche se si tratta di un aggiornamento, i nuovi Google Glass EE2 sono ancora equipaggiati con Android Oreo 8.1, cosa che comunque segna un passo avanti rispetto a KitKat presente nel modello precedente. Tra i vari vantaggi che ne derivano c’è l’ingrandimento del bacino di società che possono sviluppare app dedicate al dispositivo, ma ne consegue anche che ora sono supportati dall’applicazione Geekbench. (altro…)

Torna all'inizio