Sarebbero “in circolazione” già un milione di smartphone col nuovo OS di Huawei, in test anche da Xiaomi ed Oppo

Secondo quanto riportato da fonti cinesi, Huawei avrebbe già spedito un milione di smartphone con il suo nuovo sistema operativo, chiamato HongMeng. Spedito a chi? Questo non è ben chiaro, dato che non è nemmeno evidente se si tratti di modelli pronti al commercio (magari solo in Cina) o realizzati solo a scopo di testing.

C’è però chi insinua che anche altri produttori, come Xiaomi ed Oppo, stiano valutando il nuovo OS di Huawei, con l’eventualità di poterlo impiegare nei propri smartphone. HongMeng vanterebbe infatti una totale compatibilità con le app Android, e funzioni di sicurezza avanzate per proteggere i dati degli utenti. Continue reading

Google Stadia ed il Cloud Gaming per chi non ci ha capito nulla! (video)

Google Stadia è sulla bocca di tutti negli ultimi giorni, e con lui un rinnovato interesse per il cloud gaming, un tipo di servizio che, nonostante il supporto di alcuni nomi illustri (non da ultimo NVIDIA), finora non è mai decollato. Proprio per questo motivo, molto probabilmente, non tutti i lettori avranno familiarità con certi termini, e si saranno magari stupiti di vedere il nome di Google accostato a quello di Playstation o Xbox.

Pochi mesi fa infatti, Google è entrato a gamba tesa nel settore, rovinando probabilmente la festa a molti. Sony e Microsoft stavano preparando le loro console next gen, che mai come questa volta sembrano le fotocopie l’una dell’altra, in una sorta di corsa a due che Stadia potrebbe sparigliare. Sì perché non solo da una parte c’è Stadia Pro, che permetterà di giocare in 4K a 60 fps, con HDR e audio 5.1, ovvero il meglio del meglio, ma dall’altra abbiamo anche Stadia Free, che in pratica metterà a disposizione di chiunque la possibilità di giocare in full HD a 60 fps. Per sempre. Senza preoccuparsi dell’hardware, né ora né mai. Continue reading

Questa non dovete farvela scappare: Pocophone F1 a soli 199€!

Super offerta di Cooponline che propone l’ancora ottimo Pocophone F1, versione 6/64 GB, a soli 199 euro, contro i 330€ dello store ufficiale. La promozione è valida fino al 30 giugno, ma siamo pronti a scommettere che le scorte andranno esaurite ben prima.

Al momento dell’ordine potete scegliere il ritiro in negozio (al momento la prima data per il ritiro è il 13 giugno) oppure con consegna a casa (spedizione standard a 5,90 euro). Attenzione però perché non tutta Italia è coperta dal servizio a domicilio. In particolare risultano escluse Toscana, Lazio, Umbria, Campania, e parte dell’Abruzzo. Per avere la certezza di poter ordinare la consegna a domicilio, andate in questa pagina e verificate personalmente. Continue reading

Google Nest Hub disponibile in Italia a 129€

L’annuncio era atteso per la giornata di oggi, e del resto il suo avvento è stato ampiamente anticipato, ma il Google Store è stato più veloce di Google stesso. Nest Hub, ex Google Home Hub, è infatti disponibile all’ordine, al prezzo di 129€.

Nonostante lo store reciti ancora “prenota”, cliccandoci sopra potrete scegliere il colore (grigio chiaro o grigio antracite) e pagare il vostro Google Nest Hub. La consegna, al momento, è prevista tra il 14 ed il 17 giugno prossimi, senza costi di spedizione. Continue reading

Vodafone annuncia il 5G in Italia: ecco le prime città coperte già da oggi

Il 5G è realtà in Italia, per mano di Vodafone. L’operatore rosso ha appena annunciato l’accensione da oggi delle antenne 5G in 5 (notate l’ironia? – NdR) città italiane: Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli. L’obiettivo è arrivare a 100 città entro il 2021, ma nel 2019 non ci saranno altre città a parte queste prime cinque. Come abbiamo già detto in passato, sarà un po’ una maratona, piuttosto che uno sprint.

Vodafone ha battezzato la nuova rete “Giganetwork 5G“, giusto per ribadire il nuovo ordine di grandezza di velocità, che potrà arrivare fino a 10 Gbps, ma soprattutto con una latenza nell’ordine dei 5 ms, contro i 30 delle reti 4G. Questo aprirà le porte a tutta una serie di nuovi servizi, non solo legati all’ambito gaming. Vodafone ha ribadito infatti la crescita esponenziale non solo del traffico dati, che nel 2022 dovrebbe essere il triplo di quello attuale, ma anche dei sensori IoT, che nel 2025 arriveranno a 50 miliardi su scala globale (di cui 600-700 milioni solo in Italia), e per averne i dati sempre a portata di mano il 5G sarà fondamentale. Continue reading

Vodafone annuncia il 5G in Italia: ecco le prime città coperte e le prime tariffe (aggiornato)

Il 5G è realtà in Italia, per mano di Vodafone. L’operatore rosso ha appena annunciato l’accensione da oggi delle antenne 5G in 5 (notate l’ironia? – NdR) città italiane: Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli. L’obiettivo è arrivare a 100 città entro il 2021, ma nel 2019 non ci saranno altre città a parte queste prime cinque. Per quanto riguarda invece il roaming, sarà disponibile entro luglio in soli 3 paesi europei: Germania, Spagna, e Gran Bretagna. Come abbiamo già detto in passato, sarà un po’ una maratona, piuttosto che uno sprint.

Vodafone ha battezzato la nuova rete “Giganetwork 5G“, giusto per ribadire il nuovo ordine di grandezza di velocità, che potrà arrivare fino a 10 Gbps, ma soprattutto con una latenza nell’ordine dei 5 ms, contro i 30 delle reti 4G. Questo aprirà le porte a tutta una serie di nuovi servizi, non solo legati all’ambito gaming. Vodafone ha ribadito infatti la crescita esponenziale non solo del traffico dati, che nel 2022 dovrebbe essere il triplo di quello attuale, ma anche dei sensori IoT, che nel 2025 arriveranno a 50 miliardi su scala globale (di cui 600-700 milioni solo in Italia), e per averne i dati sempre a portata di mano il 5G sarà fondamentale. Continue reading

Realme 3 Pro (ri)lancia la sfida qualità/prezzo sui 199€ (aggiornato: disponibile in Italia)

Con una base di partenza di 199€, Realme 3 Pro si candida a nuovo best buy per chi voglia uno smartphone dalle buone specifiche, e dal giusto prezzo. Lo abbiamo provato per qualche minuto dal vivo, per darvi modo di conoscerlo meglio, ma prossimamente arriverà anche la recensione completa per darvi delle informazioni più affidabili.

Le prime impressioni sono in generale buone: i due colori disponibili, Nitro Blue e Lightning Purple sono entrambi molto belli, in particolare il primo, e non si vedono facilmente in modelli di questa fascia. La qualità costruttiva generale ed i materiali tradiscono però di più il prezzo dello smartphone. Continue reading

ASUS ZenScreen Touch è il modo più semplice per trasformare in tablet il vostro smartphone

ZenScreen Touch

Un anno e mezzo fa provammo lo ZenScreen, un monitor portatile con porta Type-C, che per l’epoca era da una parte avveniristico e dall’altra “incompleto”, nel senso che usandolo si sentiva subito la mancanza di una cosa: il touchscreen.

ASUS rimedia adesso con ZenScreen Touch, che abbiamo provato per qualche minuto qui al Computex. Del resto il concetto non cambia, semplicemente adesso, grazie ad un’app disponibile sul Play Store, è possibile usare lo schermo esterno per controllare lo smartphone collegato. Tramite un menu in sovraimpressione, che potete rimpicciolire, avrete a disposizione i tasti di navigazione di Android sullo ZenScreen, e potrete passare da portrait a landscape con la pressione di un tasto. L’app è compatibile con qualsiasi smartphone, non solo ASUS, quindi l’esperienza di utilizzo è universale. Continue reading

Google e Huawei: cosa succede e le conseguenze del blocco in Italia e non (aggiornato: dichiarazione del Presidente Trump)

La notizia della settimana riguarda senz’altro Google e Huawei e le conseguenze che le azioni del Governo Trump avranno sugli smartphone dell’azienda (e non solo). Abbiamo già provato alcuni giorni fa a fare chiarezza in merito, ma le notizie si sono da allora accavallate senza sosta, in mezzo a fatti e (per lo più) ipotesi, a volte anche un po’ contraddittorie. Abbiamo quindi realizzato un video riassuntivo per fare un po’ il punto della situazione ad oggi, cercando di vedere la vicenda soprattutto dal punto di vista dell’utente, che si starà giustamente chiedendo cosa succederà al suo smartphone.

Tutto è iniziato con l’inclusione di Huawei, da parte del Governo Trump, nella così detta entity list, in quanto ritenuta azienda pericolosa per la sicurezza nazionale. La minaccia sarebbe costituita dalle infrastrutture di rete 5G di Huawei, ma non solo. Ci sono delle accuse relative all’Iran ed a come avrebbe acquisito tecnologia USA grazie a Huawei, e se ben ricordate la vicenda ZTE gli Stati Uniti prendono molto sul serio queste cose. Continue reading

Il teleobiettivo di OnePlus 7 Pro non è quello che dice di essere

Nella nostra recensione di OnePlus 7 Pro avevamo espresso più di una perplessità riguardo il teleobiettivo con zoom ottico 3x presente nello smartphone. Lasciando da parte un bug, che abbiamo riscontrato su vari OnePlus 7 Pro, e quindi non limitato al nostro modello, che in certe condizioni fa scattare il sensore principale al posto del teleobiettivo (ma senza che l’utente ne sia consapevole in alcun modo, se non a posteriori da un’attenta analisi del risultato), è emerso nelle ultime ore che il teleobiettivo in questione non è esattamente quello che l’azienda ha reclamizzato finora.

Sul sito OnePlus, come riportato nell’immagine qui sotto, si legge chiaramente che il teleobiettivo è un 8 megapixel capace di uno zoom ottico 3x; in realtà però non è così. Risparmiandovi il dettaglio tecnico di come  che trovate ben spiegato su Android Police su foste interessanti, si tratta di un 13 megapixel con zoom ottico circa 2,2x, ovvero con una lunghezza focale diversa da quella che credevamo. Dato però che, usando la modalità zoom, OnePlus 7 Pro salva dei crop ad 8 megapixel di questa fotocamera, si raggiunge in questo modo il 3x “ottico” reclamizzato. Continue reading