Lorenzo Delli

Lorenzo Delli

(0 commenti, 275 articoli)

Questo utente non ha condiviso alcuna informazione del profilo

Pagina Principale: http://www.androidworld.it

Articoli di Lorenzo Delli

Google sta “nascondendo” i commenti dei video YouTube sull’app Android

Si tratta di uno dei classici esperimenti alla Google. Alcuni utenti, la maggior parte in India, vedono nell’app Android di YouTube una novità rivolta alla sezione commenti. Di solito la sezione in questione appare scrollando verso il basso, subito dopo le informazioni di base sul video, le info sul canale e i vari video suggeriti.

Nella nuova interfaccia che stanno vedendo alcuni utenti la sezione commenti sparisce dalla parte inferiore dell’interfaccia. Per accedervi è stato pensato un nuovo pulsante dedicato che va ad affiancarsi a quelli già esistenti per i like e i dislike al video attualmente in fase di riproduzione. Premendoci si apre la sezione commenti senza “perdere tempo” a scrollare la pagina. Ovviamente il video continua a rimanere nella parte superiore dell’interfaccia. (altro…)

OnePlus 3 e 3T si aggiornano alla versione stabile di Android 9.0 Pie! (aggiornato: bugfix)

OnePlus 3 e OnePlus 3T, i modelli risalenti al 2016 di casa OnePlus, si aggiornano in queste ore alla v9.0.2 della OxygenOS, la versione personalizzata Android che oramai abbiamo imparato a conoscere. Tra le novità di maggior rilievo c’è sicuramente l’arrivo della nuova versione di Android, la 9.0 Pie, disponibile finalmente anche nella versione stabile della ROM.

A fianco di Android 9.0 Pie arrivano anche le patch di sicurezza di aprile, un po’ di bug fix e miglioramenti di vario genere e una interfaccia grafica rinnovata proprio per l’occasione dell’arrivo di Pie. Tra le altre novità: (altro…)

OnePlus 3 e 3T si aggiornano alla versione stabile di Android 9.0 Pie! (aggiornato: bugfix)

OnePlus 3 e OnePlus 3T, i modelli risalenti al 2016 di casa OnePlus, si aggiornano in queste ore alla v9.0.2 della OxygenOS, la versione personalizzata Android che oramai abbiamo imparato a conoscere. Tra le novità di maggior rilievo c’è sicuramente l’arrivo della nuova versione di Android, la 9.0 Pie, disponibile finalmente anche nella versione stabile della ROM.

A fianco di Android 9.0 Pie arrivano anche le patch di sicurezza di aprile, un po’ di bug fix e miglioramenti di vario genere e una interfaccia grafica rinnovata proprio per l’occasione dell’arrivo di Pie. Tra le altre novità: (altro…)

Google Stadia arriverà in Italia! 9,99€ al mese, un bel po’ di titoli e una Founder’s Edition in pre-ordine da oggi

Google annuncia i dettagli finali su Stadia, il servizio di cloud gaming che farà il suo debutto anche in Italia nel 2019. Sì, l’Italia è inclusa tra i 14 paesi che potranno usufruire del servizio al lancio ufficiale previsto per questo autunno. Qualche anticipazione in realtà risale a poco meno di un’ora fa: un sito canadese aveva pubblicato per sbaglio un articolo relativo proprio a buona parte dei dettagli rilevanti del servizio. Ma procediamo per gradi e vediamo di evidenziare tutti i punti salienti del servizio di Google. Partendo proprio dal prezzo.

Prezzo Stadia (altro…)

Google Stadia: meno di 10 dollari al mese e lancio a novembre, l’anticipazione a poco dalla presentazione ufficiale

Il più recente leak su Stadia, che anticipa la presentazione ufficiale di una manciata di quarti d’ora, arriva dal sito canadese LaPresse che “stranamente” ha cancellato l’articolo (la copia cache però non mente). L’anticipazione riportava il prezzo di Google Stadia e tanti altri gustosi dettagli, comprese le parole di Majd Bakar, uno degli ingegneri di Google coinvolti nel progetto. Vediamoli insieme:

  • Prezzo abbonamento – Si parla di un abbonamento “Pro” del costo inferiore ai 9 dollari (11,99$ canadesi) che permette l’accesso in streaming a 4K@60fps. Ci sarà anche una formula base gratuita che permetterà di acquistare i giochi e legarli al proprio account, ma i titoli saranno riproducibili solo in HD. Questa formula arriverà però nel 2020.
  • Giochi inclusi – Si nomina il già citato Destiny 2 affiancato da DOOM (2016), Assassin’s Creed Odyssey, Tomb Raider, Rise of the Tomb Raider, Shadow of the Tomb Raider.
  • E i giochi più recenti? – A quanto pare potrebbe essere previsto un sistema di accesso diverso per i titoli più recenti. Nell’abbonamento standard sarebbero inclusi solo alcuni titoli più o meno “vecchi”.
  • Cosa serve – Al lancio a quanto pare sarà obbligatorio un Chromecast, quindi è plausibile che Stadia durante i primi mesi funzioni solo su TV o simili. In futuro il servizio sarà disponibile su qualsiasi dispositivo capace di far girare Chrome. L’articolo originale parla anche di smartphone, e inizialmente potrebbero essere inclusi solo i Pixel 3 e 3a di Google (come avevamo previsto tempo fa nonostante lo scetticismo generale). Altri dispositivi saranno aggiunti con il tempo, dice Majd Bakar.
  • Founder’s Edition – Ci sarà un pacchetto fondatore da circa 125 dollari (169 dollari canadesi) che comprenderà uno dei nuovi controller di Google, un Chromecast Ultra, Destiny 2 e tre mesi di abbonamento. La presenza di Destiny 2 dovrebbe testimoniare il fatto che sarà possibile acquistare i giochi a prescindere dalla presenza o meno di un abbonamento.
  • Uscita – Si parla di novembre 2019 in 14 paesi, non sappiamo quali per il momento. Tra i requisiti minimi l’accesso ad una rete da almeno 10 Mbps in download e 1 Mbps in upload, per il 4K servono invece 35 Mbps.
  • (altro…)

Maps e la Ricerca Google si aggiornano per migliorare l’assistenza in caso di emergenze

In caso di disastri naturali o altre emergenze che possono coinvolgere la popolazione, gli smartphone offrono già degli strumenti di avviso (preventivo e non) e tra questi ci sono anche i così detti Avvisi SOS, già comprensivi di varie informazioni utili quali news, numeri di emergenza da chiamare, update su Twitter e simili.

Da oggi gli Avvisi SOS verranno ulteriormente potenziati offrendo informazioni visuali dettagliate su uragani, terremoti e inondazioni in modo che l’utente possa capire a colpo d’occhio quale sia la situazione nelle zone colpite. (altro…)

Questo giovedì Google annuncia prezzi e giochi in arrivo su Stadia

Google Stadia torna protagonista della scena a pochi minuti dall’inizio del WWDC di Apple. Ne avevamo già parlato oggi in relazione al possibile annuncio di Baldur’s Gate 3 proprio come titolo di lancio di Stadia.

Ne torniamo a parlare visto che Google, sulla pagina Facebook ufficiale del servizio di gaming in streaming, ha indetto uno Stadia Connect per questo 6 giugno, alle 18:00 CET. Precedendo quindi l’E3 2019, anche per non farsi “rubare visibilità” da altri annunci importanti, Google annuncerà prezzi e giochi in arrivo su Stadia. (altro…)

Huawei presenta una mozione contro gli USA: “Bloccarci non renderà le reti informatiche più sicure” (aggiornato)

La “situazione Huawei“, già ampiamente trattata anche sulle pagine del nostro network (trovate un video riepilogo al termine dell’articolo), potrebbe giungere ad un punto di svolta. Il Dr. Song Liuping, capo dell’ufficio legale di Huawei, ha presentato oggi una mozione di giudizio sommario come parte del processo per contestare la costituzionalità della Sezione 88 NDAA (National Defense Authorization Act) del 2019.

Non solo: la società richiede anche al governo degli Stati Uniti di bloccare questa vera e propria campagna di stato contro Huawei per il semplice motivo che i provvedimenti presi finora non vanno a risolvere i tanto decantati problemi di sicurezza informatica. “Bloccare Huawei utilizzando la scusa della sicurezza informatica“, si legge nel comunicato stampa di Huawei, “non renderà certo le reti più sicure“. Secondo quanto riportato da Song Liuping, i provvedimenti non fanno altro che apportare un “falso senso di sicurezza” distraendo l’attenzione da quelli che sono i veri pericoli da affrontare. “I politici statunitensi stanno usando la forza di un’intera nazione per perseguire un’azienda privata“, continua Song, “Non è normale, è una cosa mai vista nella storia. Il governo degli Stati Uniti non ha ancora fornito prove della minaccia alla sicurezza causata da Huawei. Non c’è una pistola, c’è solo il fumo. Sono solo speculazioni“. (altro…)

Redmi K20 e K20 Pro ufficiali: il medio e il top di gamma dai prezzi contenuti che non si fanno mancare niente

Redmi K20 e K20 Pro sono finalmente ufficiali. Si tratta dei due nuovi smartphone di punta della famiglia Xiaomi Redmi e, almeno per quanto riguarda il K20 Pro, si può parlare di un vero e proprio top di gamma dal prezzo super contenuto. Analizziamo per un momento i punti in comune per poi scendere più nel dettaglio. Entrambi vantano colorazioni sgargianti (Flame Red e Glacier Blu), una fotocamera frontale pop-up che consente al display di occupare larga parte della superficie frontale e un lettore di impronte digitali integrato direttamente sotto lo schermo.

A proposito della fotocamera pop-up, entrambi i dispositivi vantano un sensore da 20 megapixel protetto da lente zaffiro che diventa pronta all’utilizzo in 0,8 secondi. Il meccanismi è stato testato per oltre 300.000 sollevamenti. Il K20 Pro vanta anche 8 strati di graffite interni utili alla dissipazione termica. Vista la presenza a bordo del processore Qualcomm Snapdragon 855 c’è chi potrebbe acquistarlo anche in un ottica gaming (a bordo troviamo anche Game Turbo 2.0, non a caso) e una dissipazione più efficiente non guasta sicuramente. I due modelli differiscono prevalentemente per il processore e per i tagli di memoria interna e RAM. Il K20 Pro si spinge infatti fino agli 8 GB di RAM e ai 256 GB di memoria interna, mentre il K20 si ferma ad un più modesto 6/128 GB. Vediamo le caratteristiche tecniche di entrambi i modelli e i relativi prezzi per il mercato cinese. (altro…)

ASUS ZenFone 6 per DxOMark è il miglior selfie-phone di sempre

Nella nostra recensione di ASUS ZenFone 6 abbiamo sottolineato tra i pro la possibilità di realizzare scatti particolarmente creatitvi, tutto grazie alla flip-camera di cui è dotato. Ed è proprio per via di questo vantaggio, ovvero della possibilità di sfruttare la fotocamera posteriore come fotocamera frontale, che ZenFone 6 da oggi domina la classifica selfie del portale DxOMark.

Nella classifica selfie di DxOMark infatti, ASUS ZenFone 6 vanta ben 98 punti, superando di un punto Samsung Galaxy S10 5G, uno smartphone che potrebbe costare addirittura 3 volte tanto il nuovo top di gamma di casa ASUS. Prima di analizzare i risultati un rapido recap. ZenFone 6 vanta due “sole” fotocamere: una Sony IMX586 da 48 megapixel, con f/1.79 e campo visivo di 79°, ed una grandangolare da 125° da 13 megapixel. Entrambi i sensori vantano stabilizzazione digitale (non ottica); la fotocamera principale scatta di default a 12 megapixel combinando 4 pixel in 1. Per la nostra analisi vi rimandiamo alla recensione completa che trovate anche qui di seguito. (altro…)

Lorenzo Delli's RSS Feed
Torna all'inizio