Honor 9 Lite in offerta a 169,90€ anche su Amazon

Dopo l’annuncio di ieri della promozione dell’Honor 9 lite a 169,90€ presso gli store Unieuro, oggi vogliamo aggiornarvi con la notizia che il dispositivo si trova in offerta su amazon allo stesso prezzo.(...)
Continua a leggere Honor 9 Lite in offerta a 169,90€ anche su Amazon su Androidiani.Com


(altro…)

Honor si prepara ad un annuncio “spaziale”, chiamando in causa persino lo sbarco sulla Luna (foto)

Honor - logo - final

Huawei ha dimostrato di essere in prima linea nello sviluppo e implementazione di innovazioni tecnologiche per i suoi smartphone, soprattutto nell’ambito dell’intelligenza artificiale. Il suo sub-brand Honor non vuole essere di certo da meno e, dopo aver presentato GPU Turbo per gran parte dei suoi ultimi dispositivi, si appresta ad un annuncio molto importante nel quale l’intelligenza artificiale giocherebbe un ruolo primario.

La notizia proviene in parte dal poster che abbiamo riportato in galleria ed in parte dai relativi commenti rilasciati dal presidente dell’azienda, George Zhao: il poster fa chiaramente riferimento allo sbarco sulla Luna, avvenuto esattamente 49 anni fa, ed è associato alla frase “1 secondo più veloce degli umani“, mentre il presidente di Honor ha dichiarato, mediante il suo account Weibo, che la sua azienda ha in programma un annuncio straordinario riguardante da vicino l’utilizzo dell’intelligenza artificiale. (altro…)

WhatsApp: cos’è il raccapricciante Momo e perché non dovrebbe farvi davvero paura (per ora)

Il rovescio della medaglia dello straordinario successo di WhatsApp – che vanta più di un miliardo di utenti attivi ogni mese – è l’uso deviato che ne fanno alcuni utenti, per la diffusione di bufale, truffe o fastidiose catene di Sant’Antonio. L’ultima in ordine cronologico risponde al nome di Momo, che sta impazzando fra gli utenti di tutto il mondo, diffondendo paura ed inquietudine. Di cosa si tratta?

In realtà, non è nulla di diverso di una catena di Sant’Antonio a sfondo horror, come circolano dalla notte dei tempi sul web (e anche prima). Un numero a voi sconosciuto, spesso dotato di un prefisso straniero (solitamente +81), vi invierà un messaggio contenente un’immagine raffigurante una ragazzina dai lineamenti trasfigurati e grotteschi, al fine di incutere spavento e raccapriccio in chi la osserva. (altro…)

WhatsApp: cos’è il raccapricciante Momo e perché non dovrebbe farvi davvero paura (per ora)

Il rovescio della medaglia dello straordinario successo di WhatsApp – che vanta più di un miliardo di utenti attivi ogni mese – è l’uso deviato che ne fanno alcuni utenti, per la diffusione di bufale, truffe o fastidiose catene di Sant’Antonio. L’ultima in ordine cronologico risponde al nome di Momo, che sta impazzando fra gli utenti di tutto il mondo, diffondendo paura ed inquietudine. Di cosa si tratta?

In realtà, non è nulla di diverso di una catena di Sant’Antonio a sfondo horror, come circolano dalla notte dei tempi sul web (e anche prima). Un numero a voi sconosciuto, spesso dotato di un prefisso straniero (solitamente +81), vi invierà un messaggio contenente un’immagine raffigurante una ragazzina dai lineamenti trasfigurati e grotteschi, al fine di incutere spavento e raccapriccio in chi la osserva. (altro…)

Con ApowerMirror potete controllare il vostro smartphone/iphone da PC e Mac (foto e video)

Vi piacerebbe sfruttare i comandi del PC per giocare sullo smartphone? Volete registrare un video di quello che vedete sul vostro telefono per condividerlo rapidamente? ApowerMirror è un’applicazione che risponde a queste esigenze e più in generale vi permette di effettuare il mirroring e controllare il cellulare usando tastiera e mouse.

Per usufruire delle potenzialità di ApowerMirror basta scaricare gratuitamente l’app dal Play Store (o dall’App Store Apple) e installare sul vostro computer il client per Windows e Mac dal sito ApowerSoft o in alternativa potete usare direttamente il webclient. Non è necessario registrarsi al sistema né loggarsi usando le credenziali di un terzo (come Google o Facebook). (altro…)

Meizu X8 finalmente si fa vedere con notch e Snapdragon 710: vi ricorda qualcosa? (foto)

Circa un mese fa vi abbiamo parlato per la prima volta del prossimo dispositivo che, probabilmente, presenterà Meizu in parallelo con i prossimi Meizu 16 e 16 Plus. Oggi torniamo sull’argomento perché sono emerse nuove e più sostanziose informazioni sul dispositivo.

Le informazioni delle quali parliamo sono tutte incluse nell’immagine riportata nella galleria in basso: ciò che vedete è un’unità di pre-produzione di Meizu X8, la quale mostra un notch posizionato in modo classico, dei bordi non sottilissimi, il sistema basato su Android Oreo 8.1 e l’integrazione di un SoC Snapdragon 710. Quest’ultima informazione è totalmente coerente con quanto vi abbiamo anticipato in precedenza. Osserviamo un parallelismo con Xiaomi Mi8 SE, il quale integra lo stesso processore, nonostante lo stesso CEO di Meizu ha dichiarato che X8 sarà migliore rispetto al device di Xiaomi. (altro…)

Meizu X8 finalmente si fa vedere con notch e Snapdragon 710: vi ricorda qualcosa? (foto)

Circa un mese fa vi abbiamo parlato per la prima volta del prossimo dispositivo che, probabilmente, presenterà Meizu in parallelo con i prossimi Meizu 16 e 16 Plus. Oggi torniamo sull’argomento perché sono emerse nuove e più sostanziose informazioni sul dispositivo.

Le informazioni delle quali parliamo sono tutte incluse nell’immagine riportata nella galleria in basso: ciò che vedete è un’unità di pre-produzione di Meizu X8, la quale mostra un notch posizionato in modo classico, dei bordi non sottilissimi, il sistema basato su Android Oreo 8.1 e l’integrazione di un SoC Snapdragon 710. Quest’ultima informazione è totalmente coerente con quanto vi abbiamo anticipato in precedenza. Osserviamo un parallelismo con Xiaomi Mi8 SE, il quale integra lo stesso processore, nonostante lo stesso CEO di Meizu ha dichiarato che X8 sarà migliore rispetto al device di Xiaomi. (altro…)

Meizu X8 finalmente si fa vedere con notch e Snapdragon 710: vi ricorda qualcosa? (foto)

Circa un mese fa vi abbiamo parlato per la prima volta del prossimo dispositivo che, probabilmente, presenterà Meizu in parallelo con i prossimi Meizu 16 e 16 Plus. Oggi torniamo sull’argomento perché sono emerse nuove e più sostanziose informazioni sul dispositivo.

Le informazioni delle quali parliamo sono tutte incluse nell’immagine riportata nella galleria in basso: ciò che vedete è un’unità di pre-produzione di Meizu X8, la quale mostra un notch posizionato in modo classico, dei bordi non sottilissimi, il sistema basato su Android Oreo 8.1 e l’integrazione di un SoC Snapdragon 710. Quest’ultima informazione è totalmente coerente con quanto vi abbiamo anticipato in precedenza. Osserviamo un parallelismo con Xiaomi Mi8 SE, il quale integra lo stesso processore, nonostante lo stesso CEO di Meizu ha dichiarato che X8 sarà migliore rispetto al device di Xiaomi. (altro…)

WhatsApp all’attacco di fake news e truffe: limiti all’inoltro dei messaggi e su Android arriva “link sospetto” (foto)

WhatsApp ha rilasciato quest’oggi due funzioni molto importanti per combattere bufale e tentativi di truffa. La prima, disponibile su tutte le piattaforme, pone un limite al numero di messaggi inoltrabili a più destinatari, per evitare appunto la diffusione di fake news ed altro. La seconda, disponibile solo in WhatsApp beta 2.18.204 per Android, vi avvisa nel caso riceveste un link sospetto.

Su WhatsApp è infatti possibile da anni inoltrare un messaggio a più persone alla volta. Basta selezionarlo, premere in alto sulla freccia per condividerlo, e scegliere tutte le chat che volete. In questo modo è facile e comodo creare catene di S.Antonio, che però contribuiscono anche al diffondersi di notizie false. A partire da oggi, WhatsApp lancia quindi un test per limitare il numero di messaggi inoltrati. (altro…)

WhatsApp all’attacco di fake news e truffe: limiti all’inoltro dei messaggi e su Android arriva “link sospetto” (foto)

WhatsApp ha rilasciato quest’oggi due funzioni molto importanti per combattere bufale e tentativi di truffa. La prima, disponibile su tutte le piattaforme, pone un limite al numero di messaggi inoltrabili a più destinatari, per evitare appunto la diffusione di fake news ed altro. La seconda, disponibile solo in WhatsApp beta 2.18.204 per Android, vi avvisa nel caso riceveste un link sospetto.

Su WhatsApp è infatti possibile da anni inoltrare un messaggio a più persone alla volta. Basta selezionarlo, premere in alto sulla freccia per condividerlo, e scegliere tutte le chat che volete. In questo modo è facile e comodo creare catene di S.Antonio, che però contribuiscono anche al diffondersi di notizie false. A partire da oggi, WhatsApp lancia quindi un test per limitare il numero di messaggi inoltrati. (altro…)

Torna all'inizio